Muore in casa
Ritrovato dopo
oltre due settimane

Il luogo dove abitava l'uomo (foto Pecora)
Il luogo dove abitava l'uomo (foto Pecora)
Nicolò Vincenzi 11.02.2020

Era riverso a terra nella sua cucina in avanzato stato di decomposizione. Si chiamava Mark Stephen Towers, 62 anni, di origine inglese, e viveva a Villafranca da una ventina d’anni. Nel suo appartamento in via Isonzo al civico 18, Towers, era morto da almeno un paio di settimane. Se non di più.

 

Deceduto probabilmente per un malore improvviso, nella sua solitudine, non era riuscito ad avvisare nessuno. E nessuno, fino a l’altro ieri, si era accorto di quanto fosse successo chissà quanti giorni prima. Almeno sino a quando l’odore dall’appartamento dove l’inglese viveva in affitto è diventato insostenibile. Intorno alle 16 di domenica scorsa sono stati i carabinieri di Villafranca, avvisati dai vicini di casa, a scoprire la tragedia silenziosa.

 Di lui si sa poco. Faceva il professore e dava lezioni private. Adesso, però, si cercano i parenti, o almeno degli amici o conoscenti. 

 

L'approfondimento sul giornale in edicola

 

 

L'ARENA DEL MATTINO - 11 FEBBRAIO

Primo Piano
Il sito allestito dal ministero della Salute
 
 
Zaia: «Chiesta la conferma allo Spallanzani»

Coronavirus, primi
due casi in Veneto
Uno è «critico»

Condividi la Notizia
 
Traffico ai caselli di Verona Sud e Nord

A4, tamponamento
tra furgone e camion:
muore un 60enne

Condividi la Notizia
 
Condividi la Notizia