Luminarie e pista, è polemica sulle spese

La pista di pattinaggio montata davanti al castello FOTO PECORA
La pista di pattinaggio montata davanti al castello FOTO PECORA
Nicolò Vincenzi 22.12.2019

Sono 150mila gli euro che il Comune di Villafranca investirà per le decorazioni e le attività natalizie. Un aumento sensibile rispetto all’anno scorso, quando le spese erano intorno ai 90mila euro. Il capitolo di spesa più ingente per il 2019 è quello dei videomapping (28mila euro) e delle proiezioni artistiche (altri 25mila) che da qualche settimana illuminano il centro città. I noleggi delle luminarie di via Pace e corso Garibaldi, quello per le luci per le rotonde e gli alberi di Madonna del Popolo e San Rocco e le luminarie di via Bixio e Messedaglia sono invece costati poco meno di 30mila euro. Mentre altri 2.400 euro sono serviti per l’adesione al progetto Natale a Verona, lago di Garda e provincia 2019. Di 12.484 euro è il rimborso della fornitura Enel, il costo della Siae e degli spettacoli degli artisti di strada. Al computo generale, a cui si devono sommare anche le spese per le decorazioni delle frazioni, bisogna aggiungere i 20mila per i festeggiamenti dell’ultimo dell’anno in piazza. Senza contare la pista di pattinaggio che a differenza del Natale scorso rimarrà ai piedi del castello fino al 19 gennaio per un costo di circa seimila euro (meno della metà rispetto all’anno scorso). Ma proprio sulla pista si è scagliata la consigliera d’opposizione Clara Zanetti del Movimento 5 Stelle. La capogruppo infatti, durante la seduta di mercoledì scorso, ha presentato un’interrogazione chiedendo spiegazioni a sindaco e assessore competente: «Lo scorso anno sono stati dati 20mila euro alla società della pista di pattinaggio (società privata), oltre ad aver dato ad uso gratuito il suolo pubblico». Zanetti ha perciò chiesto quali siano state le spese e quale sia stato l’accordo con la società in questione. «Pur essendo a favore delle iniziative non capisco tutta questa attenzione», ha spiegato durante il consiglio, «per i bilanci della società affidataria, la cittadinanza non ha beneficio. Siamo una loro partecipata?». Sulla questione è quindi entrato nel merito Luca Zamperini, assessore alle manifestazioni. Prima ripetendo che la spesa dell’anno scorso era inferiore ai 20mila euro, specificando: «Non si tratta sempre della stessa ditta. Anche se chi fornisce la pista è lo stesso soggetto». E parlando dei numeri ha aggiunto: «Abbiamo un risparmio di 12mila euro rispetto all’anno scorso. Nel 2018 c’era un rischio d’impresa per l’azienda e ci era arrivata una sola proposta. Quest’anno, siccome le cose sono andate bene, abbiamo chiesto di abbassare il prezzo». La questione ruota intorno al fatto che, secondo Zanetti, il Comune paghi una ditta, per cui ci sono anche poche agevolazioni per i villafranchesi sui biglietti, ad una azienda che di fatto non porta introiti all’Ente. Listino prezzi alla mano il costo per un’ora sulla pista è di 6 euro, 10 per l’intera giornata e di 2 per il noleggio dei pattini. In sostanza le stesse cifre dell’anno prima. «Gli altri commercianti pagano l’occupazione del suolo pubblico e per la pista, invece, no. Non capisco il perché», ha accusato ancora Zanetti chiedendo lumi su ogni singolo voce di spesa per il Natale. «Non è compito del Comune fare rischio d’impresa. Preferisco contrattare sul prezzo ed avere un servizio invece che uscire con 60mila euro e sperare di guadagnare. Per altro, la pista di pattinaggio, è un servizio molto apprezzato che porta tanta gente in città», ha proseguito l’assessore rispondendo all’interrogazione. E sui costi delle attività di Natale ha precisato: «Spendiamo di più perché abbiamo due voci in più (videomapping e proiezioni artistiche, ndr), ma offriamo anche molto di più. Il nostro è un investimento importante e diamo una grande offerta». Infine, la questione è tornata pure sulle casette che il Natale scorso avevano occupato piazza Giovanni XXIII. Scelta non riconfermata che ha portato a un risparmio di circa 4mila euro che verrà reinvestito nel capodanno. «Abbiamo sponsor per 26mila euro, quindi il doppio rispetto all’anno scorso», ha concluso Zamperini. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo Piano
Il post Fb del teatro in diretta streaming
 
Condividi la Notizia
 
La chiusura del Carnevale a Parona

Salta la «Renga»
Festa rinviata
forse all'8 marzo

Condividi la Notizia
 
Il bilancio del coronavirus

In Veneto 58 casi
con il cluster
di Limena

Condividi la Notizia