Lavori in corso al ponte sulla Bisavola

Lavori al ponte di Camalavicina  FOTO PECORA
Lavori al ponte di Camalavicina FOTO PECORA
Alessandro Foroni 26.02.2020

A distanza di quasi vent’anni dalle prime richieste dei cittadini, sono partiti i lavori per mettere in sicurezza il ponticello sul rio Bisavola, situato in località Camalavicina al confine tra i Comuni di Valeggio e Castelnuovo. L’opera, il cui impegno di spesa è stato spartito equamente tra le due amministrazioni, verrà a costare 38 mila euro. L’intervento riguarda in particolare il rinforzo delle fondazioni e il restauro del volto interno al ponte. A segnalare la pericolosità del ponte (su cui transitano più volte al giorno gli scuolabus, oltre ad un consistente traffico veicolare, soprattutto nel periodo estivo) era stata, ancora nel 2002, una petizione popolare. Tra i promotori della petizione c’era anche il salionzese Bellino Bellini, che aveva chiamato in causa tra gli altri il prefetto di Verona. Il prefetto a sua volta aveva sollecitato i Comuni di Valeggio sul Mincio e di Castelnuovo sul Garda affinché si attivassero e quest’ultimo ente aveva quindi prodotto una relazione statica che confermava la pericolosità del ponte. Con quella in mano, aveva convocato poi una conferenza dei servizi che aveva portato alla suddivisione del costo dell’intervento (allora di 26.580 euro) in parti uguali, mentre la progettazione era toccata a Castelnuovo. Da allora e nonostante l’interessamento di vari consiglieri che si sono susseguiti negli anni non c’era stato un passo avanti decisivo, anche perché la Sovrintendenza voleva effettuare verifiche sul manufatto, ritenuto di epoca veneziana. Caratteristiche che potrebbero limitare ulteriori modifiche al ponticello auspicate dal sindaco, Alessandro Gardoni: «Mi auguro che questa collaborazione con il collega Giovanni Dal Cero», dichiara infatti Gardoni, «possa essere proficua anche per un ulteriore intervento di allargamento della struttura». Concetti ribaditi dall’assessore alla viabilità, Alessandro Remelli. «Dopo questo intervento», sottolinea Remelli, «vogliamo valutare anche l’allargamento dello stesso ponte, sia per quanto riguarda il manto stradale che la realizzazione di un nuovo passaggio ciclopedonale». • © RIPRODUZIONE RISERVATA