Oliosi batte il record sulla Via degli Dei

Marco Oliosi sul percorso della Via degli Dei
Marco Oliosi sul percorso della Via degli Dei
Federica Valbusa 09.09.2019

Centoventi chilometri in quattro giorni, due in meno rispetto a quelli previsti dalla guida. Marco Oliosi di San Giorgio in Salici è partito a fine agosto per una camminata in solitaria, all’insegna dell’ascolto interiore e della scoperta della natura, e ha portato a termine la Via degli Dei, che va da Bologna a Firenze attraversando gli Appennini, in netto anticipo rispetto a quanto aveva previsto consultando l’opuscolo edito da Terre di Mezzo, che organizza lo stesso tragitto in sei giorni di marcia. Una piccola soddisfazione personale per il sessantatreenne della frazione, che ad aprile aveva percorso la Via di San Francesco e che l’anno prossimo ha intenzione di cimentarsi con la Via di San Benedetto. Marco è partito al lunedì mattina ed è tornato a casa al giovedì sera, dopo aver camminato in media trenta chilometri al giorno. Il terzo giorno è stato quello dell’accelerata: quaranta chilometri, in dieci ore e mezza consecutive di cammino, in mezzo agli Appennini. Un’impresa di cui lui stesso si è stupito, dato che il suo allenamento a casa non raggiunge questi livelli di resistenza ed avviene su ben altri terreni: «Io di solito faccio circa dieci chilometri al giorno, però praticamente tutti in piano, lungo un percorso che non è minimamente paragonabile a quello che ho incontrato sulla Via degli Dei, dove ci sono prevalentemente salite e discese, da fare con lo zaino in spalla». Lungo il tragitto ci sono delle strutture ricettive in cui Marco ha passato le notti e lui è convinto che i cammini, a maggior ragione se si tratta di pellegrinaggi, vadano fatti da soli. «Il bello del cammino è stare con se stessi», afferma, «anche se ovviamente lungo la strada si incontrano moltissime persone, con cui si può fare un pezzo di tragitto». Camminare da soli non significa però essere fuori dal mondo: «Sulla Via degli Dei il cellulare prendeva sempre, e ogni tanto sentivo mia moglie». Ad aprile, percorrendo la Via di San Francesco, Marco aveva camminato per 230 chilometri, in sette giorni, dal Santuario della Verna fino ad Assisi. «Quando sono arrivato ad Assisi», ricorda, «mi sono emozionato». •