Il Comune mette al bando la plastica

Mattia LeoniIl sindaco Gianluigi MazziRifiuti in plastica su una spiaggia della Liberia
Mattia LeoniIl sindaco Gianluigi MazziRifiuti in plastica su una spiaggia della Liberia
Federica Valbusa 19.06.2019

L’amministrazione aderisce al progetto Plastic free challenge, promosso dal Ministero dell’ambiente, ed elimina bicchierini e palette in plastica monouso dalla macchinetta del caffè presente in municipio. Ai responsabili di settore è stato dato mandato di interrompere gli acquisti di materiale plastico vergine, per privilegiare la plastica riciclata o altri materiali. Niente più piatti, bicchieri, bottiglie e posate in plastica non riciclabile nemmeno negli eventi pubblici organizzati dal Comune. Uguale attenzione verrà posta nelle riunioni del consiglio comunale e delle commissioni consiliari. L’amministrazione vuole puntare anche sull’educazione ambientale, affinché fin da piccoli i cittadini imparino a comportarsi con sensibilità ecologica: l’idea è quella di installare appositi distributori di acqua pubblica nelle scuole, dotando gli alunni di borracce in acciaio, così da scoraggiare l’uso dell’acqua in bottiglie di plastica. L’adesione all’iniziativa Plastic free challenge, che risponde alla normativa europea in materia, è avvenuta attraverso l’approvazione in giunta di un atto di indirizzo condiviso con il Comune di Lazise, avente come obiettivo quello di iniziare un percorso di responsabilizzazione ambientale per la riduzione del consumo della plastica. Nel documento vengono elencati alcuni obiettivi che l’amministrazione intende perseguire: ridurre gradualmente, ma in modo costante, la produzione di rifiuti, incrementare la raccolta differenziata valorizzando il prodotto riutilizzabile, incrementare forme di conferimento meno costose se non addirittura remunerative, promuovere la cultura ambientale e del riciclo durante le manifestazioni, sensibilizzare comunità, imprenditori ed esercenti verso scelte consapevoli e virtuose in tema ambientale. L’idea è nata da un confronto fra il presidente del consiglio di Sona Mattia Leoni e il vicesindaco di Lazise Filippo Costa, che ne hanno poi parlato con i sindaci Gianluigi Mazzi e Luca Sebastiano e con il direttore del Consiglio di Bacino Verona Nord Thomas Pandian. «Gradualmente», afferma Leoni, «affronteremo anche la condivisione di un’ordinanza, che progressivamente andrà a ridurre ed eliminare il consumo di alcuni materiali troppo dannosi per il nostro territorio». E aggiunge: «Il nostro intento, successivamente, sarà quello di impegnarci come amministrazioni nel favorire progetti che vadano in questa direzione, trovando risorse per educare e formare i ragazzi delle nostre scuole, soprattutto per riuscire a portare le nostre famiglie a favorire una spesa intelligente, attenta al packaging ed ai materiali usati, che siano il meno impattanti possibili. E qui la politica può e deve fare molto». Si tratterà insomma di un’iniziativa che verrà portata avanti progressivamente, ma il primo passo, con l’adesione al progetto Plastic free challenge, è stato fatto. Il sindaco Gianluigi Mazzi crede molto in questa sfida: «Inviteremo a non portare dentro gli edifici comunali plastica monouso. E la stessa cosa attiveremo con le scuole e con gli eventi del territorio. Il progetto porterà gradualmente all’esclusione della plastica monouso, favorendo quella biocompostabile e altri materiali». •

Primo Piano
Turisti a Verona a Ferragosto (Brusati)
 
Oltre 26mila presenze - FOTO E VIDEO

Ponte di Ferragosto
Verona fa il pieno
di turisti

Condividi la Notizia
 
Nuove tecnologie in arrivo

Droni su Verona
per sterminare
le zanzare

Condividi la Notizia
 
Il calciatore tornato nella sua città

Balotelli al Brescia
«Paura di fallire?
Zero. Sto bene»

Condividi la Notizia
 
A settembre le scelte sui nuovi nomi

Dove abiti
a Verona?
In via Elvis Presley

Condividi la Notizia
1 2 3 4 5 6 >