Dai tappi alla stoffa Mostra di presepi con oggetti riciclati

Valeria Zanetti 18.12.2019

La manifestazione con allestimento di un’esposizione e denominata «Ricicliamo...per il nostro presepe» arriva alla sesta edizione. Anche quest’anno a Mozzecane la biblioteca comunale Galilei di Villa Ciresola ospiterà la mostra delle creazioni realizzate dai bambini e dalle loro famiglie con materiali da riciclo: tappi di diverso tipo, pezzi di legno, residui di plastica, ritagli di carta e cartone, avanzi di stoffa. Proprio gli alunni delle scuole, dai nidi alle medie fino agli studenti del centro di formazione professionale Casa Nazareth visiteranno per primi nella mattinata di domani l’esposizione che sarà inaugurata il giorno seguente, alle 16. I visitatori potranno ammirare i presepi anche il 21, 23, 24, 27, 28 e 30 dicembre ed il 2, 3, 4 gennaio in orario di apertura della biblioteca, ovvero il lunedì, martedì, mercoledì e venerdì dalle 15.30 alle 18.30; il mercoledì anche dalle 20.30 alle 22.30. Giovedì e sabato dalle 9 alle 12 (stessi orari nei prefestivi del 24 e 31, ndr). Ci sarà anche la possibilità di votare la Natività preferita. Le creazioni saranno valutate, infine, da una commissione presieduta dal sindaco, Mauro Martelli, e dagli assessori all’Istruzione, Cristina Giusti e alla Cultura, Tomas Piccinini. Alle tre migliori Natività andranno rispettivamente il primo premio da 300 euro, il secondo da 250 ed il terzo da 150. Il riconoscimento viene assegnato anche grazie al contributo di mille euro ricevuto da Serit di Cavaion Veronese. Il concorso è rivolto soltanto alle scuole di Mozzecane e ha lo scopo di sensibilizzare i bambini sulle tematiche del riciclo e dell'ambiente. I presepi, infatti, sono frutto della fantasia e della creatività e sono anche la dimostrazione che uno scarto o un rifiuto possono essere riutilizzati e diventare una risorsa. «L’amministrazione organizza il contest, con la finalità di promuovere negli alunni il rispetto per l’ambiente, limitando lo spreco e contribuendo alla raccolta differenziata», commenta Giusti. •