Dai domiciliari va al Sert e poi torna a spacciare: ora è di nuovo tra le sbarre

22.06.2020

Era agli arresti domiciliari ma la misura impostagli dal tribunale gli andava decisamente troppo stretta. E così una volta uscito per andare al Sert, così come gli era consentito, continuava la sua attività di spacciatore in centro a Verona, incurante del provvedimento del tibunale. I carabinieri della stazione di Sant'Ambrogio Valpolicella l’hanno riportato in carcere ieri in esecuzione di ordinanza di aggravamento della custodia cautelare. C.G. era stato arrestato dai militari di Verona e poi rimesso ai domiciliari sempre per episodi di spaccio. I carabinieri di Sant’Ambrogio hanno sempre tenuto d’occhio il cinquantacinquenne, riscontrando diverse violazioni ai divieti impostigli dal tribunale come gli orari di entrata e uscita da casa per recarsi al Sert. Quelle diverse irregolarità puntualmente riportate all'Autorità Giudiziaria dai Carabinieri di Sant'Ambrogio Valpolicella, dove l'uomo si trovava ai domiciliari, hanno determinato l'aggravamento della misura cautelare. C.G. è così stato ristretto nel carcere di Montorio dove dovrà espiare la pena.