Incidente di Bosco
Aperta un'indagine
Il dolore per Lucia

Il luogo della tragedia (foto Amato)
Il luogo della tragedia (foto Amato)
F.M.09.09.2019

Un atto dovuto. L’apertura di un fascicolo d’indagine per le ipotesi di omicidio colposo e lesioni colpose rappresenta un passaggio inevitabile. Così come l’iscrizione nel registro degli indagati del giovane che venerdì notte era alla guida della Subaru Forester diretto a malga Vigna.

Dopo aver atteso che i giovani che lavoravano, chi in un bar chi un ristorante, come Lucia, finissero il turno su quella macchina omologata per cinque persone sono saliti in sei. Per evitare di fare due giri, di ripercorrere quel tratto di strada sterrata che porta in località Tinazzo che gli acquazzoni avevano reso particolarmente insidiosa, sono saliti tutti insieme. Erano amici fin dall’asilo, nessuno avrebbe mai immaginato che potesse finire così, con la morte di una di loro, Lucia Corradi

 

A sinistra, Lucia Corradi

 

Dopo l’informativa inviata dai carabinieri di Boscochiesanuova in Procura il magistrato di turno, il dottor Gennaro Ottaviano, ha rilasciato il nulla osta per i funerali di Lucia Corradi (saranno alle 15 a Bosco), e viene giornalmente informato sulle condizioni degli altri quattro feriti, tenuti in osservazione nei reparti di Terapia Intensiva degli ospedali che li hanno accolti. Al momento sono lesioni semplici e l’eventuale modifica dell’incolpazione provvisoria dipenderà dal decorso della malattia.

Primo Piano
Tamponamento in A4, muore un 60enne
 
 
Traffico ai caselli di Verona Sud e Nord

A4, tamponamento
tra furgone e camion:
muore un 60enne

Condividi la Notizia
 
Sentenza a 7 anni per omicidio preterintenzionale

Neonato morto
per gli scossoni
Madre condannata

Condividi la Notizia
 
Condividi la Notizia