Festa concorso internazionale Protagonista la fisarmonica

Vittorio Zambaldo 28.06.2019

Apre nel fine settimana l’edizione numero 28 della festa internazionale della fisarmonica che è allo stesso tempo festa e concorso. Le strade del paese si trasformano in una sala concerto all’aperto, la più adeguata a uno strumento come la fisarmonica che ha l’anima popolare nelle radici, mentre al Palalinte, a partire dalle 9 di domani, cominciano le selezioni dei concorrenti, già una quarantina iscritti dall’Italia e dai confinanti paesi dell’Est, molto attenti e preparati a portare i loro migliori virtuosi. Alle 21 grande spettacolo con i campioni internazionali: si esibiranno Vanio Testi che è veronese e presidente della giuria; Eugenia Cerkasova docente al conservatorio di Kiev e vincitrice di molti concorsi internazionali; Adolfo Del Cont, campione del mondo e docente al Conservatorio di Udine; Tiziano Chiapelli, affermato musicista milanese; Daniele Zullo, fisarmonicista e fondatore della festa di Grezzana; Andrea Segala insegnante di Verona; Walter Losi maestro di Piacenza con l’immancabile Breda Horwat dalla Slovenia e Gianni Gallo goriziano. Domenica mattina selezione dei concorrenti e dalle 15.30 al Palalinte Gran galà con le premiazioni e la proposta dei brani suonati dai vincitori di ogni categoria. L’evento è organizzato dal Comune con Cooperfisa di Vercelli, patrocinio di Regione e Provincia, sostegno di Bim Adige e partecipazione di Pro loco e gruppo Alpini. «È una festa dedicata alla musica e al folclore», ha riassunto il sindaco Lucio Campedelli, «dove la fisarmonica è regina come strumento che valorizza un territorio in cui è sempre stata presente. Se la festa attira l’interesse lungo le strade del paese, la serietà del concorso con le migliori scuole dell’Est che ogni anno non mancano l’appuntamento è l’aspetto più professionale che rende Erbezzo tappa imprescindibile per tante scuole». Alla presentazione nei Palazzi Scaligeri sono intervenuti i neo eletti consiglieri Alessio Leso e Luca Vallenari. Leso che è anche assessore e vicesindaco di Erbezzo, conferma che si tratta di «una festa caposaldo dell’estate, secondo appuntamento dopo la festa del formaggio e prima di quelle degli gnocchi e del bestiame. Grazie alle associazioni del paese, Pro loco e Alpini che sostengono lo sforzo organizzativo». Vallenari, che ha la delega al Turismo, ha messo in risalto il valore di nicchia della proposta «che ha radici profonde nella tradizione popolare» e ha citato Gabriel García Márquez per il quale «sentiamo la fisarmonica e ci si stringe il cuore». «Abbiamo concorrenti che ci seguono da piccolissimi e sono ora studenti di Conservatorio e i loro insegnanti hanno come punto di riferimento fisso il nostro concorso per dare sicurezza e incoraggiare i giovani talenti ad affrontare il pubblico», ha aggiunto il maestro Segala, il maestro Zullo si è complimentato col sindaco Campedelli: «Cede nella manifestazione e la incoraggia. Io suonerò dalle 15 alle 18 di sabato col maestro Marco Davide, che è stato campione italiano: saremo in piazza anche domenica pomeriggio in uno spettacolo gratuito e improvvisato che non cessa di appassionare», ha promesso. •