Vicenda Italgas, la replica di Brizzi

Lino Cattabianchi 18.10.2019

«Non entro in polemica con l’ex sindaco Paola Boscaini. Mi limito a tutelare i cittadini»: sulla vicenda Italgas, per la quale l’amministrazione Boscaini aveva aderito alla transazione con la società di gestione degli impianti di distribuzione del gas, interviene a chiarire il suo operato, già anticipato nell’ultima seduta di Consiglio, l’attuale sindaco di Bussolengo, Roberto Brizzi. «In questi giorni», esordisce il primo cittadino, «abbiamo inviato alla Corte dei Conti del Veneto nuova documentazione relativa alla transazione del Comune con Italgas. In una nota inviata ad alcuni consiglieri comunali, alla giunta e al segretario comunale, infatti, l’ex sindaco Aviano Mazzi, in carica fino al 2012, ha depositato l’esito di una sentenza della Corte di Cassazione relativa al calcolo del valore degli impianti del gas». Un dato che secondo Brizzi non si può ignorare. «A quanto appare, in estrema sintesi», precisa, «il Comune di San Martino Buon Albergo, in una situazione simile alla nostra, ha continuato il ricorso in Cassazione per vedersi riconosciuto il valore degli impianti realizzati con i soldi pagati dai cittadini per gli allacciamenti e la Corte ha dato ragione al Comune. Nel nostro caso invece il Comune ha preferito, invece, transare, rinunciando al ricorso e quindi pagando anche i circa 2 milioni di euro dei circa 5 milioni versati, relativi agli allacciamenti realizzati con i soldi dei cittadini». L’ipotesi su cui verte l’esposto di Mazzi è il danno erariale. Continua Brizzi: «Nella sua nota l’ex sindaco Mazzi ipotizza, appunto, un danno erariale nei confronti dei cittadini di Bussolengo per quella cifra. Come sindaco non posso che tutelare i miei cittadini anche da eventuali danni economici di questo tipo. La Corte dei Conti deciderà se è stato corretto transare o se invece si sarebbe dovuto continuare il ricorso. Ovviamente, come mio dovere, seguirò tutte le indicazioni che arriveranno dalla Corte dei Conti e in caso attiverò tutte le azioni necessarie per recuperare la somma». Un’ultima considerazione di Brizzi, in merito alla vicenda. «Non è mia intenzione entrare in polemica con l’ex sindaco Boscaini. Posso capire il suo nervosismo, ma il mio ruolo è quello di tutelare i cittadini e, nelle mie dichiarazioni in Consiglio comunale, mi sono limitato a ricostruire i fatti. Stiamo parlano di cose molto serie e di soldi pubblici, quindi lasciamo lavorare in serenità chi deve farlo», conclude il sindaco. •

Primo Piano
Il «logo» di Hitler sul berretto dei tifosi dell'hellas
 
Alla partita Bologna-Verona a gennaio

Berretto con Hitler
Condanna
per 7 tifosi Hellas

Condividi la Notizia
 
A Bardolino, corpo senza vita in acqua

Soffoca la moglie
malata e si suicida
Recuperato nel lago

Condividi la Notizia
 
Coronavirus, i dati della Regione

Verona, 2 morti
e 5 nuovi casi
nelle ultime 24 ore

Condividi la Notizia
 
Un centinaio di persone a terra

Stop al treno
affollato, caos
a Porta Vescovo

Condividi la Notizia