Nasce la cabina di regia per prevenire l’epidemia

R.G. 29.02.2020

È una cabina di regia pronta ad affrontare, a livello municipale e territoriale lupatotino, ogni evenienza in materia di Coronavirus, quella che ha istituito la giunta municipale con un provvedimento adottato martedì scorso. «Come amministrazione abbiamo deciso di istituire, in questa fase emergenziale, un gruppo di coordinamento composto da me, dagli assessori, dal segretario generale del comune, dai dirigenti municipali, comandante di Polizia Locale e con il possibile coinvolgimento dei Presidenti delle Consulte comunali interessate» spiega il sindaco Attilio Gastaldello. «Lo scopo di questo organismo è quello di favorire lo scambio di informazioni interno e di coordinare al meglio l’azione di tutti gli uffici competenti interessati per la prevenzione del contagio da Coronavirus, in particolare lo sport, la cultura, l’istruzione, i servizi sociali, le manifestazioni, le attività economiche, la protezione civile». Il coordinamento avrà anche una potestà propositiva, di suggerimento di azioni nei confronti della funzione esecutiva dell’amministrazione comunale, che è la giunta. «L’organismo avrà anche il compito di valutare le misure organizzative nell’erogazione dei servizi alla cittadinanza e di proporre agli organi competenti, nel rispetto dei ruoli, assegnati dalla legge e dallo Statuto comunale, azioni coordinate e tempestive di carattere operativo» aggiunge Gastaldello. «Non solo, potrà collaborare nell’approntamento di efficaci iniziative di comunicazione alla cittadinanza delle decisioni assunte dalle autorità statali o regionali». Sulla questione Coronavirus, si sono registrati in pochi giorni una serie di provvedimenti che sono cominciati con la delibera del Consiglio dei Ministri del 31 gennaio, con la quale è stato dichiarato, per sei mesi, lo stato di emergenza sul territorio nazionale legato al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili. A questa si è aggiunta l’ordinanza del Ministero della salute, d’intesa con il Presidente della Regione Veneto, del 22 febbraio con la quale, per i comuni del Veneto non interessati da casi di contagio, si dispone l’adozione delle misure igieniche già previste per la prevenzione delle malattie a diffusione respiratoria. La giunta, sentita e condivisa la relazione del sindaco, l’ha votata favorevolmente e dichiarata immediata eseguibile. «Ci sentiamo quotidianamente utilizzando anche i social, per un monitoraggio di come evolve la situazione e un breve scambio di informazioni, speriamo che non ci sia la necessità di provvedimenti di maggior portata come potrebbe essere l’istituzione del Coc, Centro operativo di coordinamento» conclude il sindaco Gastaldello.