Il sindaco «La stretta è necessaria»

R.G.22.03.2020

In un video di otto minuti sulla pagina facebook del Comune, Attilio Gastaldello, sindaco di San Giovanni Lupatoto, ha spiegato ieri i motivi che lo hanno indotto a impugnare il guanto di ferro bloccando le corsette e l’attività motoria e limitando chi porta a spasso il cane o va a fare la spesa. «Duro io? Meglio essere duro che permettere di perdere un concittadino. La cittadinanza deve capire che gli spostamenti vanno ridotti al minimo per tutelare la salute di tutti», dice il sindaco. «Siamo purtroppo di fronte una escalation nei contagi saliti in paese in pochi giorni da 8 a 25. Questa battaglia contro il Coronavirus la vinciamo soltanto rimanendo in casa. Non è il momento di abbassare la guardia ma di continuare con i sacrifici». «I 1.000 metri di distanza del negozio dove approvvigionarsi di alimentari, previsti dall’ordinanza, vanno capiti bene», aggiunge il sindaco. «Non volevo vietare a nessuno di recarsi al supermercato, lontano anche più di un km. Ma ci si vada una volta ogni 15 giorni! Non è responsabile uscire due volte al giorno per fare la spesa».