L’acconto Imu slitta Fissate nuove aliquote

Grezzana: il quartiere Case nuove
Grezzana: il quartiere Case nuove
Alessandra Scolari29.06.2020

Il Consiglio comunale di Grezzana ha varato il nuovo regolamento e le nuove aliquote Imu per il 2020 che per legge incorporano anche la Tasi, tassa quindi scomparsa. Ha inoltre confermato la modifica delle scadenze: il primo acconto entro il 30 settembre, senza sanzioni, mentre il termine ultimo per saldo è rimasto il 16 dicembre. Il consigliere Francesco Farlegni, con delega al bilancio, nel presentare la delibera ha detto: «Abbiamo ritenuto che la grave situazione economico sociale causata dall’emergenza epidemiologica da Covid 19 sia tale da giustificare lo spostamento, per l’anno in corso, dei termini del versamento dell’acconto dell’Imu per il 2020». Le nuova aliquota ordinaria, inserita nella tabella allegata alla delibera, è stata fissata in 10,6 per mille e va calcolata sulle aree fabbricabili e unità immobiliari diverse dall’ abitazione principale e pertinenze, che rimangono esenti da Imu, e da dagli immobili di seguito indicati. L’aliquota del 6 per mille dovrà essere calcolata per le abitazioni principali classificate nella categoria catastale A1, A8 e A9 e una sola pertinenza delle categorie catastali C2, C6 e C7, prevista inoltre una detrazione di 200 euro. Il 5,7 per mille è l’aliquota per le abitazioni principali date in comodato ai parenti di primo grado (genitori/figli) e loro pertinenze (purché ci sia un contratto registrato); il 6,7 per mille dovrà essere applicato per le unità immobiliari abitative e pertinenze locate a canone concordato (rimasta anche riduzione imponibile 25 per cento); il 5 per mille è l’aliquota applicata alle unità abitative date in comodato d’uso alla parrocchia (categoria catastale A2, A3, A4 e A5) per accogliere persone indigenti e in difficoltà economica; il 10,1 per mille è l'aliquota da applicare alle unità immobiliari, categoria C1 (negozi e botteghe) e C3, (laboratori per arti e mestieri). Per le unità immobiliari classificate nella categoria D (escluso D10) l'aliquota fissata è del 7,6 per mille per lo Stato (codice 3925) e 2,5 per mille per il Comune (Codice 3930); per i fabbricati rurali (Cat D10) l’aliquota è dell’1 per mille; fabbricati destinati dall’impresa costruttrice alla vendita il 2,5 per mille. Le delibere del regolamento e delle muove aliquote sono passate con i voti favorevoli della maggioranza e di Cristian Brunelli del Gruppo misto, mentre la collega Elena Signorini e i consiglieri Mauro Fiorentini, Michele Colantoni, Elisa Brunelli e Simona Tagliani della lista Grezzana e Frazioni si sono astenuti. •

Primo Piano
Le immagini dalla webcam della A22
 
Condividi la Notizia
 
Entro Ferragosto, dal venerdì al sabato

Riapre il parcheggio
di piazza Corrubbio
con 110 posti auto

Condividi la Notizia