Fidas e Aido insieme per premiare i donatori generosi

AL.SC. 25.01.2020

Domani, incontro annuale delle associazioni Fidas e Aido con consegna di 46 benemerenze maturate nel 2019. Il programma prevede l’incontro davanti alla chiesa alle 10.45, la messa delle 11, celebrata da don Fabio Gastaldelli, e alle 12 l’incontro al Centro Giovanile Noi Peraro per un momento conviviale e la consegna delle benemerenze. Ben 15 i donatori e le donatrici entrati nel 2019 e a loro andrà il «Diploma di benvenuto». Si tratta di Cristina Bonomi, Nicolas Conti, Sara Erbisti, Caterina Gelmini, Sara Marogna, Carlo Melchiori, Alice Piantavigna, Marco Salvagno, Mattia Scala, Carlo Tacchella, Luca Tacchella, Tiziano Tinazzi, Kornelia Unland, Martino Vicentini e Agnese Zampieri. Il «Diploma di benemerenza», per chi ha donato più di 10 volte, va a Francesca Bovo, Paolo Ederle, Alessandro Marralli, Maria Rosaria Menini, Federico Pomari, Linda Salvagno, Davide Signorini e Francesca Tacchella. La «Goccia di bronzo», per oltre le 20 donazioni per i maschi e 15 per le femmine, va a Veronica Bovo, Michele Bragantini, Davide Gelmini, Andrea Lupo, Davide Nicolini e Filippo Roncari. La «Goccia d’argento», oltre 30 e 25 donazioni, a Silvana Annichini, Giovanni Anselmi, Giovanni Bellamoli, Denis Bertagnoli, Marta Brunelli, Stefano Cristanelli, Cristian Gaioni, Rosanna Salvagno, Giordano Bruno Tedeschi e Agata Vicino. «Goccia d’oro», oltre 45 donazioni, a Matteo Dusi e a Mauro Fiorentini. «Croce d’oro al merito», più di 70 donazioni, a Massimiliano Bellamoli, Davide Rossi, Gabriele Tomelini e Michela Zivelonghi, mentre Alessandro Modesti sarà insignito del «Distintivo d’oro», per aver superato le 100 donazioni. Soddisfatto Paolo Melchiori, presidente di Fidas Grezzana, per la «continuità della tradizione dei concittadini di donare il sangue, missione trasmessa spontaneamente da padre in figlio, in aiuto concreto ai meno fortunati». In paese la cultura del dono di sangue è nata a metà anni ’50 da alcuni benemeriti, tra cui Attilio Orbelli, 1920-2011, negli spazi dell’oratorio. •