Finanziato il progetto viabilità Altri sgravi per le famiglie

Il sindaco Arturo Alberti
Il sindaco Arturo Alberti
A.SC.01.07.2020

Il Consiglio comunale non è stato compatto nella delibera che ha destinato l’avanzo dell’esercizio 2019 - 438mila euro – in parte a favore dei cittadini e in parte per lavori. Questa la ripartizione proposta dalla giunta: 150 mila euro per interventi a favore della cittadinanza per sopperire alle conseguenze del Covid-19; 98mila per il progetto della viabilità, atteso da anni; 50mila per ampliamento del sistema videosorveglianza e 140mila per la messa in sicurezza a Lugo di via delle Colline. L’opposizione, lista «Grezzana & Frazioni», con una mozione presentata il 19 maggio, ha chiesto l’utilizzo dell’avanzo di esercizio per «esentare dalla Tari per tutto il 2020 gli esercizi pubblici (bar, ristoranti e alberghi) i parrucchieri, gli estetisti e le palestre, la riduzione del 75 per cento della stessa Tari di tutte le altre attività con un calo di fatturato di almeno un terzo rispetto ad aprile 2019, nonché l’esenzione da Tari di tutte le attività chiuse dal lockdown». L’amministrazione ha optato nella riduzione della parte variabile della Tari per due mesi per tutte le attività chiuse obbligatoriamente e per 5 mesi per ristoranti, bar e negozi, così come ha previsto l’ampliamento dei plateatici gratuiti e il rimborso di quelli pagati (un impegno di circa 70mila euro), ha previsto poi il contributo su interessi bancari 2020-2021 fino a un massimo di 35mila euro, il bonus scuola ai ragazzi nati dal 2002 al 2019 (190mila euro), il bonus bebè di 500 euro per i figli nati nel 2020 (35mila euro previsti), nonché 20mila euro per l’avvio dei Cer organizzati sul territorio comunale e il rimborso del trasporto scolastico (o acconto per il prossimo anno), per i mesi non usufruiti. Per la copertura di spesa c’è anche un contributo ministeriale di 140mila euro. Il consigliere Michele Colantoni ha definito questi interventi «a pioggia e non funzionali». Il capogruppo di maggioranza Guido Lonardoni ha ribadito: «Ci sembrano adeguati al momento che ci troviamo a vivere. Superate le emergenze dei primi mesi di pandemia, abbiamo ritenuto di continuare a sostenere le famiglie e le attività commerciali di vicinato. Riteniamo le scelte fatte congruenti con gli obblighi assunti in questo mandato». Ha concluso il sindaco Arturo Alberti: «In questa fase di emergenza economica contavo sulla collaborazione dell’intero consiglio. Ci è sembrato corretto intervenire sulle famiglie e di riflesso sui negozi di vicinato. Un modo anche per riscoprirli. Abbiamo puntato su un’economia circolare, per cercare di riavviare l’economia del territorio». Tutti i bonus concessi sono spendibili nei negozi (esclusi i tabacchi, giochi d’azzardo e alimentari) e i servizi alle persone ubicati nel comune. «I bonus verranno consegnati a partire dal 7 luglio». Nella variazione del bilancio di previsione del 2020 sono confluite anche altre voci, compreso l’aumento del mutuo per il nuovo polo scolastico. La delibera è passata con i voti favorevoli della maggioranza, astenuta Elena Signorini del gruppo misto (fuori dall’aula il consigliere Cristian Brunelli), contrari i consiglieri Mauro Fiorentini, Michele Colantoni, Elisa Brunelli e Simona Tagliani, firmatari della mozione. •

Primo Piano
Le immagini dalla webcam della A22
 
Condividi la Notizia
 
Entro Ferragosto, dal venerdì al sabato

Riapre il parcheggio
di piazza Corrubbio
con 110 posti auto

Condividi la Notizia