Via ai lavori, due rotonde in arrivo

Via Molinara a Bussolengo: la rotonda sorgerà all’incrocio con la variante Sp5
Via Molinara a Bussolengo: la rotonda sorgerà all’incrocio con la variante Sp5
Lino Cattabianchi 20.01.2020

Mentre prosegue il piano risanamento dei vizi strutturali dei solai del municipio di piazza 26 Aprile, cominceranno in questi giorni i lavori di sostituzione completa di tutti i serramenti del fabbricato ex Danese. «L’amministrazione comunale», spiega l’assessore ai lavori pubblici, Claudio Perusi, «si è posta l’obiettivo di mettere in sicurezza l’immobile, sede del Circolo anziani e di altre associazioni di volontariato, oltre a migliorarne l’aspetto energetico, mediante l’installazione di nuovi serramenti esterni a bassa emissione e degli infissi esterni oscuranti. L’intervento è finanziato per 130mila euro con i contributi da parte del Ministero dello sviluppo economico del Decreto crescita». «Verranno eseguiti lavori di manutenzione straordinaria anche dell’involucro esterno dell’edificio rispettandone ovviamente l’aspetto originario», aggiunge. Sul fronte della viabilità sono in arrivo due rotonde. «Siamo stati assegnatari da parte della Provincia, di un contributo pari all’80 per cento del costo per la realizzazione della rotatoria all’incrocio fra la variante Sp5 e Via Molinara, opera questa che vedrà sviluppare il suo iter di progetto esecutivo, appalto e realizzazione dell’opera già nei primi mesi del 2020. Inoltre, per la rotatoria fra l’incrocio di via Roma, via Pastrengo e via Sant’Isidoro è in fase di approvazione il progetto esecutivo e il piano particellare per poter procedere agli espropri e successivamente all’appalto dell’opera», precisa Perusi. I lavori del parco di via Marmolada, il cui progetto è stato presentato alla cittadinanza, sarà realizzato con fondi provenienti da perequazioni urbanistiche. «Per questo motivo i tempi di tale opera», sottolinea l’assessore, «sono legati alla convenzione che dovranno stipulare i privati. Abbiamo approvato lo studio di fattibilità per la sistemazione completa degli ambienti al piano terra di Villa Spinola per un importo di 200 mila euro. Anche quest’anno investiremo 250 mila euro per asfaltature e rifacimento di marciapiedi che andranno a completare il progetto del Peba. L’investimento sulle asfaltature sarà riproposto anche negli anni prossimi e valuteremo se poter aumentarne l’importo». «A seguito dell’approvazione della variante», prosegue, «sarà pronto nei primi mesi di quest’anno il bando per l’assegnazione dei lavori di sostituzione della copertura della scuola Marmolada per poter arrivare al mese di settembre alla consegna dei lavori». Il servizio cimiteriale sarà ancora gestito dal Comune e si procederà con la predisposizione della progettazione definitiva del cinerario. Infine il cosiddetto «rudere di San Valentino», un edificio diroccato accanto all’omonima chiesa. Conclude Perusi: «È intenzione di questa amministrazione investire su quel fabbricato per il suo recupero a destinazione prevalentemente sociale e culturale. Il progetto di recupero ha trovato nella Sovrintendenza alle belle arti di Verona la massima disponibilità alla collaborazione, visti anche i molti vincoli posti su tale immobile». •

Primo Piano
 
Condividi la Notizia
 
Condividi la Notizia
 
Rinviato all'autunno, ecco le nuove date

Masini, tour al via
il 20 settembre
all'Arena di Verona

Condividi la Notizia