La Fiera raddoppia e invade il centro

La rivista della Fiera di San Valentino, con il disegno di Espen in copertina FOTO PECORA
La rivista della Fiera di San Valentino, con il disegno di Espen in copertina FOTO PECORA
Lino Cattabianchi 06.02.2020

L’edizione numero 309 della Fiera di San Valentino, un evento che ritorna da più di tre secoli e che, tradizionalmente, apre la stagione produttiva, raddoppia: i festeggiamenti cominciano, infatti, oggi per terminare domenica 16. «Per questi due fine settimana, da oggi al 9 e dal 13 al 16 di febbraio», spiega l’assessore alle manifestazioni Massimo Girelli, «l’amministrazione comunale ha potuto investire molte risorse e tutto questo è stato possibile grazie alle maggiori entrate economiche messe a disposizione dal finanziamento regionale che il Comune di Bussolengo ha ottenuto partecipando al bando dei Distretti del commercio, dove si è classificato ai primi posti. Il raddoppio delle manifestazioni, in due fine settimana consecutivi, è stato possibile perché la Regione ha concesso al Comune 40mila euro. Il Comune, dal canto suo, ha stanziato altri 78mila euro, cioè la stessa somma dell’anno scorso». Un biglietto da visita, la 309esima Fiera di san Valentino, che inizia dal luna park di piazzale Vittorio Veneto. «Dopo il chiarimento coi lavoratori dello spettacolo», commenta il sindaco Roberto Brizzi, «che ha portato a una riduzione delle attrazioni per rispettare le regole della sicurezza, tutto si è avviato regolarmente: con 37 giostre il nostro è uno dei luna park più vari e gettonati della provincia». L’altro polo, nell’ex parco Sampò, è dedicato alle attività economiche nella tensostruttura che ospiterà l’8 e il 9 febbraio la quarta edizione di Bussolengo Produce, rassegna espositiva delle aziende del territorio, accompagnata da La Rosa di San Valentino - EternAmore, simbolo dei prodotti di eccellenza territoriale ai padiglioni 1 e 2. La Fiera di San Valentino strizza l’occhio, da sempre, al mondo economico. «Qui», spiega Davide Furlani, consigliere incaricato al commercio, «troveranno spazio le imprese del nostro territorio, mentre la parte dedicata all’agricoltura troverà spazio nelle vie del paese con la esposizione delle macchine agricole nelle vie centrali dal 14 al 16 febbraio». Una fiera che invade letteralmente le strade del centro storico e include piazza XXVI Aprile, piazza Nuova, via De Gasperi, via Don Calabria, il piazzale Vittorio Veneto, l’area dell’ex parco Sampò. «Il piano del traffico», spiega il comandante della Polizia locale, Enrico Bartolomei, «prevede il parcheggio al centro commerciale delle sorelle Ramonda e del cimitero, al Bocciodromo oltre la Gardesana, alle Poste. Meglio non parcheggiare a ridosso del centro storico perché è tutto occupato. Il provvedimento, ovviamente, riguarda i giorni dal 14 al 16, poi la situazione ritornerà alla normalità». Quest’anno per la prima volta, la copertina della rivista della Fiera è realizzata da Giorgio Espen, giovane artista veronese nato a Bussolengo. In questa illustrazione si ritrovano gli elementi che contraddistinguono la storica Fiera, nata per adempiere a un voto e ringraziare il Santo degli innamorati di aver salvato il bestiame di Bussolengo da un’epidemia di afta epizootica: la chiesa di San Valentino, le macchine agricole, il piatto tipico della trippa, i giovani rappresentati dalla ragazza in primo piano. L’amore è il tema, e se ne trova una coniugazione nella mostra allestita all’Ipab e dedicata all’amore dei nonni. In esposizione, gli scatti dello storico studio fotografico Rinaldi. In copertina, una coppia di fidanzati che si guardano teneramente: una situazione senza tempo. •