Morto lo scultore mago del metallo Ettore Peroni

Ettore Peroni
Ettore Peroni
EM.ZAN.26.03.2020

Torri piange il suo «mago del metallo». A quasi 90 anni se ne è andato lo scultore Ettore Peroni. Nato il 7 maggio, era molto conosciuto per le sue opere che abbellivano Torri e la sua casa in località Frader, dove ha vissuto gran parte della sua vita. Dopo essersi sposato nel 1953, emigrò in Argentina in cerca di fortuna. Nei sei anni là fece diversi lavori: dal camionista al macellaio con i quattro fratelli già emigrati. Tornò a Torri nel 1959, dove creò un albergo nella grande casa paterna portando avanti però la grande passione per l'arte e in particolare per la scultura, che gli ha consentito di organizzare mostre in Italia e all'estero. Nella sua officina ha creato opere molto particolari, assemblando materiali e utensili di tutti i tipi. Come l'imponente «Don Chisciotte» in ferro, situato a fianco della torre dell'orologio a Torri. Lo scultore ha vissuto in primo piano anche la vita culturale del paese, fondando con altri il museo etnografico del castello di Torri. «Peroni ha fatto la storia di Torri», sottolinea il sindaco Stefano Nicotra. «È stato fondamentale dal punto di vista culturale e politico. Era una persona propositiva e disponibile, che anche attraverso la sua arte esprimeva un grande amore per il territorio. Lascia un grande vuoto». Peroni, che lascia quattro figli, verrà sepolto nel cimitero di Torri domani alle 10,30, senza celebrazioni, seguendo le disposizioni per l'emergenza coronavirus. •