Abusivismo, meteo e Dmo Bilancio di Federalberghi

K.F.17.12.2019

Bilancio della stagione turistica, lotta all’abusivismo, ripresa della promozione del territorio e necessità di adeguare l’accoglienza alle nuove richieste dei turisti, sempre più alla ricerca di esperienze e interessati al rispetto dell’ambiente. Sono alcuni dei temi affrontati nella 44a assemblea generale dei soci di Federalberghi Garda Veneto che si è svolta a San Zeno di Montagna, la prima sotto la presidenza di Ivan De Beni e con il nuovo direttore Mattia Boschelli. In attesa di conoscere i dati definitivi, i numeri diffusi dall’Ufficio statistiche della Regione Veneto hanno certificato una lieve flessione di pernottamenti da gennaio a luglio, ma De Beni ha frenato l’allarmismo: «La stagione non è andata male, sfatiamo lo stereotipo che gli albergatori si lamentano sempre, a prescindere. Certo l’inizio è stato preoccupante per le avverse condizioni meteo, ma la situazione è migliorata nei mesi successivi permettendo un certo recupero». Quanto alla lotta all’abusivismo, dopo le iniziative intraprese in questi anni e il convegno organizzato a Peschiera con Confcommercio Verona, De Beni ha assicurato che l’impegno continuerà e già a partire dai primi mesi del nuovo anno si terrà un incontro operativo tra il comandante della polizia locale di Verona, Luigi Altamura, e le polizie locali gardesane «per definire una linea operativa coordinata e incisiva». Coordinamento tra territori reso più efficace, è stato ricordato, dalla recente sottoscrizione del protocollo d’intesa tra Federalberghi Garda Veneto e Confcommercio Verona per cui in assemblea era presente il presidente Paolo Arena. Lo sguardo è puntato anche sulla Dmo lago di Garda, l’organizzazione per la gestione della destinazione turistica dell’area gardesana coordinata dalla Camera di Commercio di Verona che sta per indire un bando di gara europeo per individuare chi si occuperà delle attività di promozione, superando l’impasse di questi anni dovuta all’impossibilità di finanziare direttamente il Consorzio Lago di Garda Veneto. «Un importante traguardo», lo ha definito De Beni, «che dimostra la volontà di fare rete sul territorio per promuovere il lago di Garda».