Teodati, 13 anni
operato alla mano
avvera il suo sogno

Katia Ferraro10.12.2019

Il sogno di Teodati si è in parte avverato: le sue mani, deformate e inutilizzabili in seguito a un’ustione di cui fu vittima all’età di tre anni, potranno in parte essere recuperate grazie a due interventi realizzati in queste settimane dall’equipe di Chirurgia della mano dell’ospedale Pederzoli di Peschiera del Garda.

 

Soprattutto la mano sinistra, con cui ha imparato a scrivere nonostante quasi tutti i movimenti gli fossero preclusi a causa della “fusione” delle dita provocata dall’incidente domestico in cui fu coinvolto entrando in contatto con il braciere nella sua umile abitazione nel villaggio di Hanga in Tanzania.

 

Orfano di entrambi i genitori, oggi Teodati ha 13 anni e grazie alla solidarietà delle persone che ha incontrato sulla sua strada può sperare in un futuro migliore. I risultati degli interventi chirurgici sono stati presentati oggi dal dottor Ruggero Testoni, responsabile dell’Unità operativa di Chirurgia della mano all’ospedale Pederzoli.

 

Gli interventi hanno consentito di separare le dita della mano sinistra rendendola funzionalmente normale (servirà un terzo intervento per ripristinare la flessione delle dita) e di estendere il polso destro (prima piegato all’interno) facendogli recuperare la mobilità. In futuro, quando sarà cresciuto, Teodati potrà decidere se realizzare un ulteriore intervento anche sulla mano destra per renderla in parte funzionale.

 

Teodati è arrivato in Italia grazie all’associazione Vet for Africa, presieduta dal professor Arcangelo Gentile, e al contributo della Fondazione Corrado e Bruno Maria Zaini, mentre l’ospedale Pederzoli ha sostenuto i costi di ricovero e degli interventi chirurgici. 

CORRELATI
Primo Piano
 
Condividi la Notizia
 
Condividi la Notizia
 
Pauroso incidente fra Villabartolomea e Oppeano

Esce di strada e finisce incastrato nel fossato: «Abbagliato dai fari»

Condividi la Notizia