Rotonda e passaggio pedonale in arrivo davanti all’ospedale

Lavori per la costruzione della rotonda davanti all’ospedale di Malcesine
Lavori per la costruzione della rotonda davanti all’ospedale di Malcesine
Emanuele Zanini 13.12.2019

Sotto l'albero di Natale i malcesinesi troveranno un regalo speciale: una nuova rotonda. Da alcuni giorni sono in corso i lavori che hanno portato alla realizzazione di una rotatoria sulla Gardesana, di fronte all'ingresso dell'ospedale, all'altezza dell'intersezione di via Lungolago e via Val di Sogno. L'opera, voluta dal Comune e studiata e coordinata dal corpo di polizia municipale guidato dal comandante Luigino Bresaola, ha la funzione di rallentare automobilisti e motociclisti. Sulla strada statale 249 i veicoli superano molto spesso i limiti di velocità, anche in quel punto, nonostante la presenza della struttura ospedaliera, di passaggi pedonali, e attività commerciali, tra cui un discount, un albergo e un bar. In passato non sono mancati incidenti, anche gravi, che hanno acuito il problema sicurezza. L'altro scopo del rndò è migliorare la viabilità di quel tratto stradale, dove in alcune circostanze, specie per chi proviene da sud, non è facile svoltare per andare verso Val di Sogno o entrare al nosocomio, nonostante la presenza di una corsia preferenziale. L'opera è stata studiata con Veneto Strade, che ha dato il nulla osta alla realizzazione. Gli operai incaricati di eseguire l'intervento pubblico, affidato alla ditta Martini Costruzioni Generali di Castagnole di Paese, in provincia di Treviso, hanno iniziato a rifare l'asfalto all'altezza dell'incrocio per poi dedicarsi all'assemblaggio dell'opera. Per consentire l'esecuzione dei lavori il comandante Bresaola ha emesso un'ordinanza per regolamentare la circolazione. Fino a ieri alle 12 nel tratto interessato ai lavori c’è stato il senso unico alternato, regolato da un semaforo, ma già da oggi la rotonda è entrata in piena funzione. La rotonda è stata realizzata con speciali moduli prefabbricati in gomma componibili che si sono assemblati sul posto. La forma della rotonda, in realtà, è più allungata rispetto a una classica rotatoria. Questa soluzione è stata adottata per consentire di regolare tutta la viabilità dell'area: sia per coloro che circolano sulla Gardesana, sia per i veicoli che invece devono immettersi o proseguire verso Val di Sogno, o entrare o uscire dagli esercizi commerciali limitrofi. Ma soprattutto, sottolineano dal Comune, i pedoni, a partire dai pazienti dell'ospedale, compresi quelli in carrozzina, come i poliomielitici, o gli ospiti, potranno attraversare la statale 249 in sicurezza, grazie alla costruzione di appositi marciapiedi attorno alla rotatoria. È stato inoltre aggiunto un passaggio pedonale a quello già esistente e tutta l'area è stata illuminata con lampioni e luci a led per rendere ben visibile tutto il tratto di strada, che sarà provvisto di adeguata segnaletica stradale. La struttura è stata realizzata in modo tale che la rotatoria non potrà essere tagliata dai veicoli, soprattutto dalle moto, come avviene invece spesso nel caso delle rotonde di piccole dimensioni e con i cordoli bassi. Il costo dell'operazione per il Comune ammonta a 70mila euro. L'opera era stata preceduta da una simile la scorsa primavera a Cassone, dove, sempre sulla Gardesana, erano stati inseriti dei dissuasori per costringere le vetture a rallentare. «La rotonda era un intervento sentito dalla popolazione del posto e che avevamo inserito anche nel nostro programma elettorale perché siamo convinti che fosse necessaria», precisa Roberto Furioni, assessore comunale con delega per la frazione di Cassone e Val di Sogno. «Mettiamo così in sicurezza un punto nevralgico della viabilità cittadina», aggiungono l'amministratore comunale e il comandante della polizia locale Bresaol. La prossima settimana nello spazio interno della rotonda verrà creata un'aiuola in cui saranno posati fiori e un albero di Natale. •