«Non siamo solo colleghi, ma una grande famiglia». 73 poliziotti gridano «Lo giuro!»

Il giuramento dei poliziotti
Il giuramento dei poliziotti
 
Katia Ferraro26.06.2019

Si è svolta questa mattina in piazza Ferdinando di Savoia a Peschiera del Garda la cerimonia di giuramento alla Repubblica di 73 neopoliziotti che hanno frequentato il 204° corso alla Scuola allievi agenti di Polizia di Stato di Peschiera.

Sotto un sole cocente i nuovi agenti hanno gridato «Lo giuro!» accompagnati dalle note dell’Inno di Mameli suonato dalla banda musicale della Polizia.

Presenti numerose autorità civili e militari, tra cui il direttore centrale per le specialità della Polizia di Stato Armando Forgione, il questore Ivana Petricca, il prefetto Donato Cafagna, il sindaco Maria Orietta Gaiulli con assessori e consiglieri comunali. Il 204° corso che si è tenuto a Peschiera è stato intitolato a Themis, personificazione della giustizia nella mitologia greca. «La scelta di tale virtù morale nasce dal voler indirizzare il nostro operato verso questo ideale, per prevenire le disuguaglianze sociali e disparità di trattamento», ha spiegato la capocorso Messina Federica ringraziando il direttore della scuola Gianpaolo Trevisi «per averci insegnato lo spirito di appartenenza al corpo della Polizia di Stato, facendoci capire grazie ai suoi ideali e alle sue qualità morali umane e professionali che non siamo solo colleghi ma una grande famiglia».

Durante la cerimonia sono stati premiati gli agenti che si sono distinti durante il corso. Le migliori votazioni sono state meritate da Alex Menazzi, Alex Nazzaro e Maria Sole Pacelli, mentre altri quattro ragazzi si sono distinti nelle materie pratiche: Manuel Paolo, Massimiliano Maida, Eros Laghigna e Manuel Anzolin, premiati anche dai familiari di alcune vittime del dovere. Ad arricchire la scenografia del giuramento la presenza di personale e mezzi di diverse specialità della Polizia di Stato: il pullman blu per l’educazione stradale della polizia stradale di Genova, alcune auto storiche, la polizia scientifica e ferroviaria di Verona, la polizia postale di Venezia, la squadra nautica di Peschiera, alcune unità cinofile della questura di Milano e l’elicottero del 10° reparto volo di Venezia. Katia Ferraro

CORRELATI
1 2 3 4 5 6 >