«Bisogna programmare in modo lungimirante»

Anna Forese
Anna Forese
B.B. 08.01.2020

Critico il Movimento 5 Stelle, con il consigliere Anna Forese che sottolinea: «Non si capisce perché le opere non si programmino in modo lungimirante. Alcune, pianificate due anni fa, non hanno mai visto la luce, come il parcheggio in piazzale Caboto. Altre si considerano per soli stralci, altre diventano colossali sotto il profilo economico come il campo sportivo: 1 milione e 700 mila, euro incluse le spese per il 2020. Ci pare un enorme impegno di spesa da scaricare sui gardesani, senza contare che si considera un solo sport a discapito degli altri». Sul bilancio di previsione aggiunge la capogruppo M5S Irene Moretti: «A Garda la cementificazione aumenta ogni anno, verranno presto distrutte anche le ultime aree verdi, tra le quali una parte della Val dei Mulini. In compenso c'è a disposizione poco o niente per i gardesani che non hanno la possibilità economica di acquistare casa, mancano incentivi per i giovani e un aiuto concreto per farli restare nel loro paese d'origine. Le case per residenti sono carenti, un problema», rileva, «che sta crescendo poiché molti proprietari di immobili si orientano verso gli affitti turistici, sottraendoli al residenziale, ed è stata preventivata solo una spesa minima alla voce “interventi per il diritto alla casa”». Poi conclude: «L'amministrazione dovrebbe trovare soluzioni condivise per incontrare le tantissime richieste di chi cerca un’abitazione e non la trova. Invece non esce nemmeno il bando per gli appartamenti sfitti negli edifici popolari Ater. In compenso», incalza, Irene Moretti, «si continuano a rilasciare permessi di costruzione per seconde case. Siamo un paese a vocazione turistica, ma i cittadini che vivono qui tutto l'anno meritano di essere ascoltati».