L’ultimo saluto all’amata «prof» Gabriella Sartori

M.R.25.01.2020

Saranno celebrati oggi alle 15.30, nella chiesa di San Zeno di Colognola, i funerali di Gabriella Sartori, l'ex insegnante che venerdì della scorsa settimana è stata investita da un'auto mentre stava attraversando la strada provinciale 13 a Velo. La settantottenne era in Lessinia con il marito Ferruccio Barocco per trascorrere una giornata in relax, facendo una camminata e ammirando il paesaggio. Da «innamorata del creato» quale era, come l'ha definita la nipote Marta Ruffo, Gabriella stava portandosi dall'altra parte della strada, dove si apre una bella veduta sul Baldo, per scattare qualche fotografia quando, attraversando, è stata investita da una Toyota, condotta da una tregnaghese. «La conducente della vettura è scesa subito e piangendo ha detto di essere stata abbagliata dal sole e di non aver visto mia moglie che stava attraversando la strada», ha riferito Ferruccio, affranto dal dolore. Gabriella Sartori, apparsa subito in gravi condizioni, è stata trasportata con l'elisoccorso all'ospedale di Borgo Trento dove alcuni giorni fa è deceduta. Vicino allo zio ora ci sono i nipoti, a cui la professoressa Sartori, per anni docente di Lettere all'istituto Dal Cero di San Bonifacio, era molto legata. «Era la zia per eccellenza», hanno raccontato Marta e Siro Ruffo, due dei suoi nipoti, «una seconda mamma, un’amica. Ci ha seguito fin da ragazzi, aiutandoci anche nei compiti». Era stata lei, hanno detto, a correggere con cura tutte le tesi di laurea di quanti di loro si sono laureati. D'altra parte per Gabriella la scrittura, oltre che un aspetto significativo della sua professione, era anche una passione che l'aveva portata a dare alle stampe varie pubblicazioni, di cui alcune su Colognola, sulla frazione di San Zeno e sul suo parroco monsignor Luigi Adami, impegnato sul fronte dell'ecumenismo. Sarà proprio don Luigi a celebrare le esequie di Gabriella, di cui sono stati donati gli organi. Nota e stimata in paese, non l'hanno mai dimenticata neppure i suoi ex studenti che la invitavano sempre alle loro cene di classe. Di certo a darle l'ultimo saluto nella chiesa di San Zeno di Colognola, stringendosi al marito e ai parenti, ci saranno anche loro. •