Scalzotto: «Dopo l’estate un tavolo tecnico per tutti i problemi»

Manuel Scalzotto
Manuel Scalzotto
P.D.C.14.08.2019

Ad aprile dello scorso anno la notizia della realizzazione di un attraversamento pedonale rialzato nel tratto finale della Sp 17 Val d'Alpone in prossimità della Madonnina, quindi lo sbotto del sindaco Marcazzan che chiedeva soluzioni vere e non ulteriori motivi di rallentamento del traffico e, infine, l'impegno a valutare interventi più risolutivi attraverso uno studio di fattibilità. A monte di quest'ultimo passo, però, anche il rilievo dei flussi, annunciato a settembre, facendo ricorso anche a un pallone aerostatico. Sono questi gli ultimi passaggi che, per quanto riguarda la Provincia, interessano la discussione sulla Sp 17. In Consiglio provinciale, avuta notizia delle risorse disponibili, ovviamente la corsa alla richiesta ha accomunato molte aree del Veronese ed il presidente della Provincia Manuel Scalzotto ha sostanzialmente accolto l'appello invitando tutti i sindaci interessati a sedersi attorno a un tavolo tecnico subito dopo l'estate. Difficile avere nuovi elementi in questo periodo, qualcosa sui rilievi relativi ai flussi si dovrebbe sapere a breve e nel frattempo arriva la conferm di alcuni incontri già svolti con la nuova amministrazione montefortiana che starebbe studiando una proposta di soluzione del nodo Madonnina: di certo, insomma, al momento resta il problema, l'attesa per l'attraversamento e quello che le centraline di rilevamento registrarono nel 2017 e cioè 6.766,5 mezzi (e tra questi 361 mezzi pesanti, cioè poco più del 5,3%) in uscita ogni giorno dalla Val d'Alpone e 7013.6 veicoli, 362,5 dei quali pesanti (5,1%) in entrata.

1 2 3 4 5 6 >