L’agricoltura si mette in vetrina

P.D.C. 05.09.2019

L'agricoltura di eccellenza di sette paesi abbracciati da due valli si mette in vetrina per due giorni, ma prende anche tempo per riflettere su cosa vorrà essere domani: è il senso della Fiera dei prodotti agricoli della Val d'Alpone e Val Tramigna che vivrà la sua prima edizione a Monteforte d'Alpone questo fine settimana. Sabato e domenica il Palazzo vescovile ospiterà l'esordio di questa fiera itinerante fortemente voluta dalle amministrazioni locali di Montecchia di Crosara, Monteforte d'Alpone, Vestenanova, San Giovanni Ilarione, Roncà, Soave e Cazzano di Tramigna per mettere il settore primario al centro e farne anche il principale volano dal punto di vista turistico. Ci hanno creduto Coldiretti e il Consorzio del vino Soave, la Strada del vino Soave e la Cantina di Monteforte e, soprattutto, oltre una sessantina tra aziende e imprese del settore delle due valli e una squadra di volontari che per ogni paese hanno deciso di mettersi a disposizione per questa due giorni che prende vita contestualmente alla 89ª Festa dell'uva a Monteforte. «È un momento di riflessione importante proposto da amministrazioni diverse che condividono lo stesso territorio», ha detto il presidente della Provincia Manuel Scalzotto in sede di presentazione, «e che fanno un passo importante perché la coesione di intenti può aiutare a sviluppare zone omogenee». L'apertura della manifestazione, patrocinata da Regione e Provincia, è in programma sabato alle 16 con l'apertura dell'expo dei prodotti agricoli locali al Palazzo Vescovile: vino, olio, salumi, formaggi, gastronomia, la patata di Bolca, il luppolo e la birra della Val d'Alpone ma pure il miele ed i piccoli frutti, la Mora di Cazzano, giusto per fare qualche esempio, si metteranno in vetrina con le aziende produttrici e potrano essere degustati ed acquistati fino alle 23 e anche domenica dalle 9 alle 23. Alle 17 l'auditorium della Cantina di Monteforte accoglierà il benvenuto istituzionale agli ospiti che si sposteranno poi al Palazzo vescovile per il taglio del nastro alla prima edizione della Fiera. Alle 18 focus su «La risorsa acqua in Val d'Alpone tra paesaggio e patrimonio»: il sindaco Roberto Costa, il consigliere regionale Enrico Corsi, il presidente del Consorzio del Soave Sandro Gini e poi Silvio Parise (presidente del Consorzio di bonifica Alta pianura veneta), Massimino Stizzoli (presidente della Cantina di Monteforte), Roberto Zorzin (associazione «Val d'Alpone faune, flore e rocce del Cenozoico»), Fabio Saggioro (Università di Verona), Chiara Maria Mattiello (Consorzio del Soave) si confronteranno su produzione del Soave, tutela del territorio, emergenze e opportunità, risorse e valori, identità paesaggistica e patrimonio territoriale affidando a Franco Manzato, già vice ministro per l'agricoltura, le conclusioni della giornata. Vademecum e al tempo stesso documento di sintesi sarà un atto programmatico congiunto già sottoscritto dal territorio, affidato a istituzioni ed enti competenti per iniziare a costruire l'agricoltura di domani nel comprensorio di Val d'Alpone e Val Tramigna con obiettivo di verifica il prossimo anno. Domenica, in contemporanea con l'expo dei prodotti agricoli, nel cortile della scuola «Anzolin» esposizione di macchine e prodotti agricoli: protagoniste trenta aziende delle due valli. •

1 2 3 4 5 6 >