Sniffa coca mentre
guida e il vassoio
è il telefonino

La polizia stradale durante controlli
La polizia stradale durante controlli
Alessandra Vaccari17.11.2019

Guidare stando al cellulare è punibile con ammende e decurtazione di punti patente. Ma il legislatore non ha contemplato l’ipotesi che si sono trovati davanti ai loro occhi un paio di agenti in pattuglia sulla Regionale 11 a San Bonifacio, qualche mattina fa. E pure i poliziotti non volevano credere ai loro occhi quando hanno notato che un automobilista si stava facendo una sniffata di cocaina mentre era alla guida dell’auto. E la «pista» da tirare era stata predisposta proprio sul telefono cellulare.

 

L’uomo, un 21enne di origine peruviana che lavora in centro a Verona, è stato segnalato alla prefettura in qualità di assuntore. Per ora ha la patente perché la legge parla di stato psicofisico alterato dall’assunzione, mentre in questo caso la droga non aveva ancora fatto effetto.