Murales anti-odio di Cibo e scout
I vandali li deturpano ancora una volta

I graffiti prima e dopo la vandalizzazione
I graffiti prima e dopo la vandalizzazione
Paola Dalli Cani15.05.2019

Uno schiaffo agli Scout sambonifacesi e al writer Cibo: questo appare il nuovo imbrattamento di cui è stato oggetto il grande murales che in zona stazione solo sabato era stato ripulito da scritte d'odio.

Solo pochi giorni dopo il grande lavoro che ha unito lo street artist ed una cinquantina di scout, sotto il cappello dell'assessorato all'Ecologia, i disegni a sfondo gastronomico sono stati rovinati da strisciate con lo spray nero, trasformazioni oltraggiose degli stessi e colpi di spray per cancellare parti dell'opera artistica.

 

 

Il commento di Cibo: «Il fatto che queste persone usino questa violenza nei confronti di un'opera di arte pubblica è un insulto alla libertà di pensiero, alla cultura e alla legalità. Aggravante è la matrice neofascista, che con viltà affligge il territorio sambonifacese e rende duro difendere un valore costituzionale (e apartitico) come l'antifascismo. Ma per quanto queste persone professino odio e divisione, noi torneremo sempre a difendere dei principi tanto importanti».

CORRELATI
1 2 3 4 5 6 >