Braccialetti
e termoscanner
al Fracastoro

Filtro Covid al Fracastoro
Filtro Covid al Fracastoro
Paola Dalli Cani20.05.2020

Braccialetto e termoscanner: sono le novità che da qualche giorno sono diventate operative all'ospedale "Fracastoro" di San Bonifacio per chiunque entri in ospedale. Se fino alla scorsa settimana alla misurazione della febbre provvedeva un operatore sanitario ricorrendo ad un termometro auricolare, ora è stato installato un termoscanner che rileva la temperatura al passaggio della persona davanti ad una termocamera.

 

Per l'esecuzione dello screening sono stati ingaggiati i volontari del Gruppo comunale di Protezione civile, gli stessi che si sono occupati dell'organizzazione contingentata degli accessi in ospedale dopo la riapertura. Il "censimento" degli accessi avviene anche attraverso un braccialetto che attribuisce un codice alla persona e che sostanzialmente "la traccia" durante la permanenza in ospedale: il braccialetto, che è in materiale plastico e può essere rimosso solo tagliandolo, viene apposto al polso dall'addetto che accoglie gli utenti e procede alla sanificazione delle mani o, se si indossano, dei guanti.

 

Tra le altre novità c'è anche il trasloco, nell'area esterna del "Fracastoro" compresa tra l'ingresso del pronto soccorso e l'ingresso principale, della diagnostica del Covid-19, cioè le postazioni dei tamponi drive-in presidiati anche dai volontari dei nuclei veronesi dell'Associazione nazionale carabinieri di San Bonifacio.