Occupazioni abusive di case, bisogna riflettere sui motivi

Giuseppe Malizia all’edicola Caffè Centrale FOTO MARCHIORI
Giuseppe Malizia all’edicola Caffè Centrale FOTO MARCHIORI
L.PER.17.10.2018

Giuseppe Malizia ha 52 anni ed è un giardiniere. Compra L’Arena all’edicola Caffè Centrale a San Michele, in piazza Garibaldi, e commenta le notizie del giorno. L’Arena aumenta il fatturato ma rimane da sanare un debito di 26 milioni. Aprire ad altri eventi potrebbe aiutare. Più concerti rock e pop che porterebbero un indotto notevole. Pubblicato il bando per la costruzione del nuovo stadio. Premesso che in città si assiste ad una cementificazione spaventosa, se l’Amministrazione ritiene che un secondo stadio sia utile, ben venga. Altrimenti si opti per un’evoluzione di strutture già esistenti, magari ampliando la zona che anni fa era stata predisposta per le attività sportive. Il Veneto crescerà con la Tav. La sua opinione? La Tav va fatta, è una questione di stare al passo coi tempi e con gli altri Paesi. Ancora parecchie le case occupate abusivamente, cosa fare? La casa è un problema per tanta gente, tuttavia basta il termine “abusivo” a definire la situazione. Per cui è giusto che il comune adotti una linea dura contro l’illegalità, però serva anche interrogarsi sul perché accadono questi episodi. Allarme per il degrado in piazza Cittadella. La risposta a queste situazioni è una sola: attivare più controlli da parte delle forze dell’ordine. La Fraternità compie 50 anni. Ogni iniziativa di questo genere mi vede favorevole. In carcere ci sono persone che hanno commesso errori, ma è giusto dare a ognuno la possibilità di riscattarsi. •