Risse e schiamazzi, chiuso il bar

Via Caccia, la polizia amministrativa sigilla il bar con licenza sospesa
Via Caccia, la polizia amministrativa sigilla il bar con licenza sospesa
A.V.01.07.2020

Risse ripetute, interventi delle Volanti che si sono susseguiti, ed ora il questore Ivana Petricca ha emesso il provvedimento: licenza sospesa per 15 giorni al gestore del “Caffè Dolce Amaro” che si trova in via Caccia, alle Golosine. La sospensione si è resa necessaria a seguito dei numerosi interventi che gli agenti delle Volanti hanno effettuato, a partire dl 22 settembre 2019 fino a quello ultimo di martedì 23 giugno. Un’escalation di episodi, dalle risse alle liti tra persone in stato di ubriachezza, da casi di molestie a quelli ripetuti di disturbo alla quiete pubblica. Lo scopo del provvedimento è anche quello di dissuadere e privare per qualche tempo soggetti indesiderati, (perché pericolosi, pregiudicati o con precedenti di polizia), di un luogo abituale di aggregazione e avvertirli della circostanza che la loro presenza in quel locale è oggetto di particolare attenzione da parte dell’autorità. Ad eseguire il provvedimento, ieri, i poliziotti della Divisone di polizia amministrativa congiuntamente agli agenti delle Volanti, con l’apposizione dei sigilli e la chiusura temporanea dell’esercizio pubblico. Il gestore è stato informato che nelle ipotesi di ripetizione dei fatti, può avere una seconda più grave interruzione dell’attività, fino alla eventuale revoca della licenza. •