Rabbia vigili del fuoco
«Ci si ricorda di noi
solo dopo le tragedie»

Un intervento dei vigili del fuoco
Un intervento dei vigili del fuoco
12.11.2019

Quattro giorni di sciopero. «Perché siamo stanchi di essere ricordati quando ce n'è bisogno. O quando peggio ancora, come ad Alessandria, qualcuno di noi perde la vita compiendo il suo lavoro».

Stato di agitazione per i vigili del fuoco veronesi, che come i colleghi di tutta Italia, hanno annunciato le date in cui incroceranno le braccia (emergenze, ovviamente, escluse) e che il 15 novembre protesteranno davanti alla prefettura di Verona.

Buste paghe e pensioni insufficienti, nessuna copertura Inail, organici sguarniti alcuni dei punti contestati dai pompieri iscritti a Cgil. Cisl e Uil, che dopo la mancata conciliazione ministeriale di quest'estate hanno deciso di scendere in piazza.

«Il personale è stanco di promesse e pacche sulle spalle», si legge nel comunicato, «vogliamo fatti concreti».

 

LE GIORNATE DI SCIOPERO

• 21 novembre 2019 (turno A): sciopero nazionale in tutte le sedi di servizio dalle 16 alle 20

• 2 dicembre 2019 (turno D): sciopero nazionale in tutte le sedi di servizio dalle 10 alle 14

• 12 dicembre 2019 (turno B): sciopero nazionale in tutte le sedi di servizio dalle 16 alle 20

• 21 dicembre 2019 (turno C): sciopero nazionale in tutte le sedi di servizio dalle 10 alle 14