Multare chi bestemmia vuol dire educare al rispetto

Giovanni Pistoia all’edicola Gentile di piazzale Stefani
Giovanni Pistoia all’edicola Gentile di piazzale Stefani
I.N.06.08.2019

Giovanni Pistoia, 51 anni, geometra, acquista L’Arena alla nuova edicola Gentile di piazzale Stefani in Borgo Trento e commenta le notizie del giorno. Un motociclista ha perso la vita finendo contro un’auto. Purtroppo viaggiare in moto è diventato pericoloso. Basta una svista, una manovra sbagliata di chi è sulla strada in quel momento e le conseguenze diventano letali. Tragedia sfiorata, invece, per un ciclista che stava camminando lungo la provinciale d’Illasi con la bici a mano. La bicicletta è forse più critica ancora di moto e scooter. Bisognerebbe avere quattro occhi. Le auto corrono troppo e le strade non sono adatte ai ciclisti. Multe a chi bestemmia: la sanzione esiste già, che ne pensa? Ripristinerei in tutti i luoghi pubblici i cartelli anni ’30 che avvisavano di non nominare il nome di Dio invano. Una questione di rispetto. La banda dello spray aveva agito anche al Dorian Gray. Ci vorrebbero più controlli all’ingresso di discoteche e locali notturni. Ma una sorveglianza totale è impossibile: dove c’è molta gente, difficile azzerare i rischi. L’ex primo ministro inglese Gordon Brown, in Arena per Domingo, ha elogiato la città. Un buon punto per l’immagine di Verona in Inghilterra. La nostra città e l’Arena sono perle preziose da promuovere per un turismo di qualità. Un veronese è andato fino a Petra in bicicletta. Sono viaggi che cambiano la vita. Ci vuole però un’adeguata preparazione sui territori che si attraversano: alcuni Paesi sono pericolosi. •