Sistema in tilt,
sette ore di attesa
per un referto

Il Policlinico di Borgo Roma
Il Policlinico di Borgo Roma
Francesca Lorandi 25.01.2019

«Siamo rimasti ore seduti nella sala d’attesa dell’ospedale di Borgo Roma in attesa di un referto che non si sapeva quando sarebbe arrivato. Tutto il sistema informativo, ci hanno detto, era bloccato». La segnalazione arriva da un veronese che martedì in quei corridoi, accanto alla madre che ha più di ottant'anni, ha dovuto aspettare più di sette ore il risultato di una radiografia. «Me lo hanno consegnato alle sei e mezza del pomeriggio, ma poi è stata necessaria un’altra lastra che mancava insieme ad alcuni esami e alla visita del medico internista che si è presentato dopo due ore per valutare se mia madre era da ricoverare. Alla fine», conclude, «lei era così scombussolata da riuscire ad addormentarsi molto tardi, considerando anche le sue condizioni di salute, mentre io sono tornato a casa alle due di notte». Una via crucis, la definisce, «che mi ha lasciato sconfortato perché certe carenze da un ospedale come Borgo Roma non te le aspetti. E invece…».

E invece proprio quel giorno il sistema informatico aveva avuto un black out. «Martedì c’è stato un disservizio sul sistema di archiviazione delle immagini diagnostiche, che ha comportato ritardi nella refertazione degli esami di radiologia», conferma Luca Giobelli, responsabile del Servizio Sistemi Informativi dell’Azienda Ospedaliera. «Ogni sistema informatico», aggiunge, «è soggetto a possibili guasti che in questo frangente sono stati presi in carico immediatamente». Il risultato è stato che decine di pazienti sono stati sottoposti a un’attesa snervante in quella sala, posticipando impegni, appuntamenti, perdendo una intera giornata di lavoro. 

1 2 3 4 5 6 >