La tragedia di Lucrezia rivive fra musica e storia

La foto del dipinto di Luca Giordano "Lucrezia e Tarquinio"
La foto del dipinto di Luca Giordano "Lucrezia e Tarquinio"
20.01.2020

Giovedì 23 gennaio alle 21 nella sala San Giacomo di via delle Monegone si terrà una conferenza - concerto ad ingresso gratuito che parla della storia di Lucrezia e ne narra i risvolti musicali nell'opera di Benjamin Britten e George Friederich Handel.

La musica dal vivo si accompagnerà ad un'introduzione storica e musicologica con gli interventi del maestro Francesco Cilluffo, a Verona per pochi giorni per una direzione al Filarmonico, che illustrerà la musica di Benjamin Britten, della professoressa Liviana Loatelli, che introdurrà il contesto storico della vicenda di Lucrezia e del maestro Marcello Rossi Corradini, che si occuperà della cantata di G. F. Handel.

 

LUCREZIA NELL'ARTE

Lucrezia è un personaggio leggendario che ha ispirato poeti, pittori, musicisti. Un'eroina, un modello di virtù e integrità che ha attraversato i secoli, per la forza del suo gesto: violentata da una persona a lei vicina, Tarquinio, decide di non arrendersi al disonore e si toglie la vita. La tragica vicenda ha ispirato innumerevoli compositori, da G. F. Handel a B. Britten, ma anche la musica strumentale di J. Gallot, l'opera di R. Keiser, o addirittura un balletto allegorico nell'opera “Rienzi” di R. Wagner.

 

L'evento nasce da un progetto di Mirko Gragnato, 5° Circoscrizione del Comune di Verona e Dimostrazioni Armoniche per la Giornata Mondiale dell'Educazione 2020.