Appiccava incendi
ovunque, piromane
preso dai carabinieri

Incastrato dai carabinieri un piromane (Archivio)
Incastrato dai carabinieri un piromane (Archivio)
Alessandra Vaccari 25.03.2019

Troppi incendi di sterpaglie, e il sospetto che non si trattasse di casualità che diventa sempre più forte. Fino a quando, quel sospetto non si materializza, e si concretizza in un arresto messo a segno dai carabinieri di Parona in flagranza, dopo l’ennesimo incendio.

Erano settimane che i vigili del fuoco stavano correndo da una parte all’altra della periferia per domare incendi. Era il pomeriggio di sabato quando un residente di Nassar ha notato quell’uomo, un trentenne veronese, in una zona dove poco dopo è divampato un incendio. E non era la prima volta che quella stessa persona era in zona quando si era registrato un incendio.

Il cittadino ha seguito per un poco l’uomo e lo ha visto salire su un pullman così ha allertato i carabinieri spiegando loro di aver notato quella persona già in altre occasioni nei pressi di aree dove poco dopo c’erano stati incendi.

Così i militari di Parona hanno atteso che il bus fermasse allo stop successivo e hanno chiesto all’uomo i documenti. Addosso l’uomo aveva tre accendini. 

È stato portato in carcere a Montorio, a disposizione dell’autorità giudiziaria che nelle prossime ore deciderà la convalida dell’arresto. Per il veronese l’accusa è di incendio doloso, reato per il quale l’arresto è obbligatorio se si è colti in flagranza.