Lavoratori in nero
e scarsa igiene
Blitz nel laboratorio

11.02.2020

Scoperto a Sanguinetto dalla Guardia di Finanza di Legnago un laboratorio di confezioni di abbigliamento dove erano impiegati quattro lavoratori clandestini, tutti cinesi: non hanno alcun documento ed erano pagati in contanti.

Il titolare della azienda, anch’egli cinese, è stato denunciato anche per la violazione delle leggi sull’immigrazione: rischia fino a tre anni di reclusione e 40.000 euro di multa. È stata anche fatta una segnalazione all'Ulss per le precarie condizioni in cui si trovavano i locali adibiti a laboratorio. Si profila la sospensione dell'attività.

 

In azienda c'era una grande movimentazione di merci specie la notte, quando formalmente soltanto una persona risultava impiegata. da lì i primi sospetti. 

Come fa sapere una nota della guardia di finanza di Verona, sono in corso approfondimenti in ordine alla provenienza dei capi di abbigliamento lavorati dall’azienda di confezioni, che dai preliminari riscontri sarebbero riferibili a una griffe emiliana.

 

 

CORRELATI
Primo Piano
Il sito allestito dal ministero della Salute
 
 
Zaia: «Chiesta la conferma allo Spallanzani»

Coronavirus, primi
due casi in Veneto
Uno è «critico»

Condividi la Notizia
 
Traffico ai caselli di Verona Sud e Nord

A4, tamponamento
tra furgone e camion:
muore un 60enne

Condividi la Notizia
 
Condividi la Notizia