Calciatori in campo
e «manolesta»
negli spogliatoi

L'ingresso dello stadio di Minerbe (Diennefoto)
L'ingresso dello stadio di Minerbe (Diennefoto)
Francesco Scuderi 21.02.2020

Furto di smartphone, soldi, documenti d’identità e persino abiti, l’altra sera, negli spogliatoi dello stadio comunale «Bertoldi» di Minerbe.

 

Nel mirino dei ladri è finita una decina di calciatori dell’Asd Real Minerbe 2014, società amatoriale che milita nei campionati Uisp e che in quel momento si stava allenando nel vicino campo da gioco. Purtroppo, nessuno si è accorto di nulla, i manolesta di turno hanno agito indisturbati ed ora è caccia ai responsabili.

 

A ricostruire quanto avvenuto è il presidente e giocatore del Real Minerbe Sandro Pavan. «Come ogni mercoledì ci siamo dati appuntamento per la preparazione», esordisce, «eravamo una ventina di persone. L’allenamento iniziava alle 20 ma siccome ci sono sempre dei ritardatari abbiamo tenuto aperta la porta dello spogliatoio». L’ultimo giocatore è entrato nel rettangolo verde poco dopo le 20.30, mentre l’allenamento si è concluso alle 21.45.

 

L'articolo completo su L'Arena oggi in edicola