Sport e disabilità, 30 anni di integrazione

Roberto Massagrande 28.10.2019

La finale della stagione sportiva 2019-2020 de «La Grande Sfida» si terrà il prossimo 30 maggio a Bovolone. L’anticipazione è stata data nell’auditorium della Biblioteca civica al termine della presentazione del programma organizzato, come avviene da 25 anni a questa parte, dall’associazione «La Grande Sfida onlus». In vista dell’evento, illustrato alla presenza dell’assessore allo Sport Orfeo Pozzani, sono stati già presi contatti con tutte le scuole del paese, dalle primarie alle superiori, e saranno coinvolte associazioni e contrade. Si tratta di una manifestazione basata fin dalle origini sul sodalizio tra sport e handicap. Tuttavia, con il passare del tempo, l’attività si è ampliata comprendendo iniziative parallele di natura sociale, culturale e artistica. Il tutto allo scopo di favorire dopo la scuola dell’obbligo l'inclusione in ambienti di lavoro, come negozi e uffici, di giovani con disabilità. Da tre anni, inoltre, grazie alla nuova sede allestita a villa Mino Turco, a Cadellara Pieve di Colognola ai Colli, messa a disposizione dai Padri Stimatini, sono state avviate nel fine settimana esperienze di vita autonoma: entro Natale sono previsti 18 week end in spazi residenziali ricavati nell’antica dimora. Dopo la pausa estiva, sono ripresi intanto gli allenamenti, con l’aggiunta di altri 28 ragazzi. Tutto è pronto insomma per un’annata che ha in agenda due importanti ricorrenze: i 30 anni del progetto «La Grande Sfida», che ha mosso i primi passi il 13 gennaio 1990; e i 25 anni dalla costituzione dell’omonima associazione, che di fatto organizza da un quarto di secolo in tutta la provincia scaligera l’attività sportiva (basket, pallavolo, atletica, calcio ma non solo) con lo slogan «Facciamo sport con tutti». «A noi piace festeggiare, ecco perché ci sono due anniversari», ha detto tra il serio e il faceto Roberto Nicolis, referente del progetto. La riunione è stata aperta dalla presentazione di due nuovi volontari che entrano a far parte di quella che è ormai una grande famiglia con un prezioso bagaglio di esperienze: Antonino Puma, ex dirigente scolastico ed ex consigliere comunale di Bovolone; ed Eleonora con un passato da ex atleta professionista di basket, la quale seguirà la preparazione del gruppo basket che si allenerà a Cerea. Tra le altre novità, la collaborazione con il liceo sportivo del «Cotta» di Legnago, per avviare esperienze di alternanza scuola-lavoro. Inoltre, l’associazione «La Grande Sfida» ha ottenuto, nel centro natatorio di Legnago, la disponibilità di una corsia in piscina coperta per gli allenamenti settimanali. Allenamenti in palestre e campi sportivi così suddivisi nel distretto 3 dell’Ulss 9: Bovolone per il calcio a 5, Cerea per il basket e le bocce, Zevio per la danza e Legnago per il nuoto. Si inizia nelle prossime settimane sulla base di un dettagliato cartellone consultabile su www.lagrandesfida.org, contenente informazioni su tutti gli altri distretti sanitari della provincia. •