Tezenis, avanti con Candussi Poletti e Udom, doppio addio

Francesco Candussi vestirà Tezenis anche la prossima stagione FOTOEXPRESSMitch Poletti lascia Verona e firma per Pistoia FOTOEXPRESS
Francesco Candussi vestirà Tezenis anche la prossima stagione FOTOEXPRESSMitch Poletti lascia Verona e firma per Pistoia FOTOEXPRESS
Simone Antolini03.07.2020

«La A non è un dovere, ma un volere». Pensiero del “Candu“. Ancora insieme. La A resta richiamo forte. E la scommessa ripartirà (si spera) presto. La Scaligera Basket ha prolungato il contratto di Francesco Candussi che continuerà così la sua esperienza con la Tezenis Verona per il terzo anno consecutivo. Candussi, centro classe ’94, ha disputato in gialloblù 63 partite di campionato tenendo una media di 13 punti, 6.4 rimbalzi e 26.1 minuti giocati, guadagnandosi anche il debutto in Nazionale maggiore, a Tallin, contro l’Estonia. TERZO ANNO. «Per il terzo anno consecutivo avremo nel nostro roster Candussi» ha commentato Giorgio Pedrollo, «giocatore che ha dimostrato di credere nei nostri obiettivi e nel nostro club. Anche con Francesco, in sede di trattativa per il rinnovo, è emersa la volontà di proseguire quanto è stato interrotto definendo con reciproca soddisfazione questo nuovo accordo nonostante l’interesse di altri club». «Sono contento di rimanere a Verona, è importante continuare il lavoro dello scorso anno» ha aggiunto Candussi. «Dobbiamo guadagnarci l’obiettivo che c’eravamo già prefissati e deve essere la benzina che ci dà nuova spinta per l’inizio della stagione. Mi ha fatto piacere l’interesse della società, possiamo dire che ci volevamo a vicenda. La volontà è stata forte e questo ha reso ancora di più tutto questo bello perché è un segnale di continuità. Spero di ricominciare con i tifosi al nostro fianco, anche a loro dico che dobbiamo riprendere da dove avevamo lasciato con partecipazione ed entusiasmo. Farci sentire la loro presenza sarà sicuramente molto importante». CONSACRAZIONE. Sarà la stagione del riscatto del rilancio o della consacrazione? «Sicuramente della consacrazione» conferma Candussi. «Lo scorso anno ho vissuto un momento difficile ma credo di esserne uscito bene. Questo potrà essere un anno importante per capire che quello è stato un momento e basta, mi auguro che questa sarà una grande stagione sia dal punto di vista di squadra e personale. Vorrei essere un giocatore determinante per quello che sarà la realizzazione del risultato di squadra, è quello che conta più di ogni altra cosa. Portare il proprio apporto, sempre al massimo, ogni domenica e in ogni allenamento fa la differenza». La serie A resta un dovere. «Più che un dovere un volere. Vogliamo lavorare per arrivare là, con il dovere non si arriva da nessuna parte. Sudare ogni giorno, dare il 100 per cento in palestra dovrà essere il nostro pane quotidiano; umili, sapendo che sarà difficile, ma con l’obiettivo sempre ben inquadrato». DOPPIO ADDIO. Saluta, invece, Verona l’ormai ex capitano Mitch Poletti, che con la Scaligera non ha trovato l’accordo per il futuro. Il Barba giocherà la prossima stagione a Pistoia, in A2. In un post di saluti, Poletti ha scritto: «Grazie Verona, è stato un indescrivibile onore essere il tuo capitano. Sognavo un finale diverso, ma rimarranno sempre tre anni di splendidi ricordi. Grazie alla famiglia Pedrollo, a tutti i tifosi e alla città che mi ha fatto sentire a casa e mi ha trattato come un figlio». E saluta Verona anche Mattia Udom. L’ala grande ha trovato sistemazione in serie A. Per lui inizierà un’avventura tutta nuova con la casacca di Brindisi. •