Il «Mago» ha detto sì a Verona Rosselli leader della Tezenis

Guido Rosselli, per lui sarà la seconda stagione a Verona FOTOEXPRESS
Guido Rosselli, per lui sarà la seconda stagione a Verona FOTOEXPRESS
Simone Antolini30.06.2020

Il Mago di Empoli è ancora tra noi. La Scaligera ha comunicato di aver ridefinito il contratto in essere con Guido Rosselli, che continuerà a vestire la maglia della Tezenis Verona anche nella stagione sportiva 2020-2021. Rosselli, nato il 25 maggio del 1983, nella prima stagione gialloblù ha totalizzato 24 presenze con una media di 28 minuti, 9.5 punti e 4.8 assist. PRIMI PASSI. «La nostra volontà è quella di ripartire dal maggior numero di giocatori dello scorso campionato, un gruppo che aveva dimostrato affiatamento in campo e fuori» ha commentato il vicepresidente Giorgio Pedrollo, «dobbiamo ringraziare i giocatori, in questa occasione Guido, che hanno capito il momento economico generale. La decisione di proseguire assieme è stata valutata positivamente da entrambe le parti senza esitazioni perché la volontà è quella di completare un percorso condiviso assieme ed iniziato lo scorso campionato, con grande attaccamento alla maglia, ai colori ed ai tifosi di Verona». INCOMPIUTA. «Anch’io sono contento di proseguire con la Tezenis Verona» ha aggiunto Guido Rosselli, «ho sempre avuto la sensazione di aver lasciato un lavoro a metà, ancora da completare: abbiamo un obiettivo comune e lavoreremo per questo. Mi ha fatto molto piacere vedere la serietà della società, dimostrata anche negli ultimi giorni, che ha valutato attentamente la situazione creatasi senza farsi prendere da facili entusiasmi. Questo fa capire che c’è una società seria, proprio di questo c’è bisogno nella pallacanestro italiana. Per il prossimo anno, ripartire da un gruppo consolidato sarà qualcosa di importante, un punto di partenza con base e qualità. Spero che la situazione generale, legata al Covid-19, migliori ancora in modo da poter giocare con la presenza dei tifosi, sia in trasferta che in casa». PLAY THE DREAM. Rosselli è il primo di una lunga serie di rinnovi destinati ad arrivare a breve. La Scaligera ha già trovato i suoi punti fermi. Giovanni Tomassini avrà in mano anche la prossima stagione le chiavi del cuore della Scaligera. Rinnovo sicuro per il playmaker che si è messo alle spalle infortuni e frustrazioni, dimostrando di poter dare idee, ritmo e soluzioni mai banali alla squadra di coach Andrea Diana. BOBBY C’È. Sarà rinnovo, poi, anche per Bobby Jones. Di lui è piaciuto l’atteggiamento avuto da subito e anche l’impatto con l’ambiente veronese. Jones si è legato a Verona. Lo ha fatto, per quel poco che si è potuto giocare, partita dopo partita, mettendo testa e fisico al servizio della causa. Ottimo agonista, giocatore capace di farsi sentire sia sotto canestro che a perimetro, Jones ha trovato la sua centralità dentro al sistema di gioco di Diana. Sarebbe rimasto quasi sicuramente anche in caso di salto in serie A. A oggi, rappresenta uno dei punti fermi anche per la prossima stagione. ANCORA CANDU. E a brevissimo verrà sciolto ogni dubbio anche sul destino di Francesco Candussi. Stagione non semplicissima la sua. Soprattutto nell’affrontare il canestro a gioco fermo. Ma il talento c’è. Mani di fata. Stile da affinare in post e difese che pretendono di diventare ancora più arcigne. Ma in casa Scaligera, sono convinti che Francesco resti uno dei pivot più interessanti del panorama italiano. Giocatore da testare ancora e sul quale riporre la giusta fiducia in vista della prossima stagione. Che Verona dovrebbe voler vivere ancora da protagonista. Ancora in via di definizione le situazioni che riguardano Mattia Udom, Giovanni Severini (destinato comunque a rimanere a Verona) e Mitch POletti. IL DADO È TRATTO. E poi c’è Davide “Dado“ Guglielmi, l’enfant du pays. Cresciuto all’ombra dei giganti gialloblù. La società di via Cristofoli decide di puntare su di lui anche per la prossima stagione. Dado è in via di maturazione, viaggia spedito nella direzione giusta. Ha già lanciato segnali inequivocabili di crescita. •