D’Aversa senza Kucka Brugman sarà il faro

Il diesse Daniele FaggianoKucka, qui in azione contro la Roma, sarà assente per squalifica
Il diesse Daniele FaggianoKucka, qui in azione contro la Roma, sarà assente per squalifica
Alessio Faccincani01.07.2020

Uno scontro fra due squadre a pari punti ed appena un gradino sotto il Milan nella corsa all’Europa. Parma ed Hellas condividono anche lo stato d’animo. Domenica per entrambe un epilogo crudele, con i cambiamenti di punteggio praticamente a fil di sirena rispettivamente con Inter e Sassuolo. Il Parma anti Verona però non deve preoccuparsi solamente della propria condizione mentale. A tenere in ansia mister Roberto D’Aversa ci sono anche i grattacapi di formazione. L’assenza più pesante sarà quella del corazziere slovacco Juraj Kucka, centrocampista di grande solidità fermato per un turno dal giudice sportivo dopo il rosso rimediato contro l’Inter. Il tecnico crociato sul piatto ha un paio di soluzioni. La principale però dovrebbe portare ad una maglia da titolare per l’ex Pescara Gaston Brugman in cabina di regia, con ai lati il brasiliano ex Zenit San Pietroburgo Hernani e Barillà, quest’ultimo in ballottaggio con lo sloveno Kurtic. Qualche opzione in più invece negli altri reparti. Al centro della difesa è destinato a riprendersi una maglia dal primo minuto Simone Iacoponi, dopo aver scontato domenica una giornata di squalifica. Vicino a lui nel 4-3-3 disegnato da D’Aversa è favorito il campione d’Europa con il Portogallo nel 2016 Bruno Alves, che però potrebbe anche beneficiare di un turno di riposo e lasciare spazio al centrale albanese Kastriot Dermaku. Sulla corsia di destra l’ex Manchester United Matteo Darmian giocherà al posto di Vincent Laurini, mentre sulla sinistra il titolare dovrebbe essere Giuseppe Pezzella, entrato invece a partita in corso contro l’Inter. Mister D’Aversa pare intenzionato a dare continuità al proprio reparto offensivo. Le certezze sono il danese Andreas Cornelius al centro con il prossimo giocatore della Juventus Dejan Kulusevski, pagato oltre 40 milioni lo scorso gennaio, che lo affiancherà sul lato destro del tridente. Ballottaggio invece sulla sinistra dove Gervinho, a segno solo poche ore fa, è insidiato dagli scalpitanti Gianluca Caprari e Yann Karamoh, apparentemente fuori dalle rotazioni dopo la ripresa del campionato. Infine in queste ore a scuotere il Parma verso la gara di Verona ci ha pensato il direttore sportivo Daniele Faggiano, concentratissimo sul grande obiettivo della stagione ducale. «Ci aspetta un impegno molto difficile contro un Hellas che certamente proverà ad imporre la propria partita», la previsione. «Noi però vogliamo portare a casa un risultato positivo per conquistare definitivamente la quota salvezza. Dovremo fare affidamento sulle nostre motivazioni. Abbiamo tutte le carte in regola per rialzarci e rimetterci a correre. All’andata il Verona vinse in casa nostra ma fummo anche un po’ sfortunati». •