Caso Balotelli
L'Hellas: «Nessun
coro razzista»

03.11.2019

L'EPISODIO

Interruzione del gioco in Verona-Brescia di circa quattro minuti. Balotelli era stato preso di mira da una parte della tifoseria scaligera, anche con il coro di scherno «Mario, Mario...» . La reazione di Balotelli a quelli che lui riteneva fossero insulti: durante un’azione di gioco ha preso il pallone in mano e lo ha calciato con forza verso il settore da cui erano arrivati e ha minacciato di lasciare il campo, come fece Zoro in un Messina-Inter del 2005. E anche questa volta, come allora con Adriano a calmare l’avversario, sono stati i compagni del Brescia ma anche i giocatori del Verona a far desistere Balotelli dal proposito di andarsene. Poi c’è stato l’annuncio dello speaker del Bentegodi, e successivamente la partita è ripresa con la squadra di casa in vantaggio per 1-0.

 

LA REPLICA DI JURIC E DI SETTI I VIDEO

«Oggi non c’era nessun ululato razzista, grandi fischi, sfottò, nei confronti di un grande giocatore e nient’altro. Altre volte mi sono sentito dire "zingaro di merda", ma oggi niente. Chiedete a Balotelli quello che ha sentito lui per reagire così». Il tecnico del Verona, Ivan Juric, a Sky Sport smentisce che a Verona ci siano stati episodi di razzismo contro Supermario. «Non ho alcun problema a denunciare cori, se ci sono, anche se a farli sono i nostri tifosi - aggiunge - sono cose che non si possono accettare nel 2019. Ma oggi non c’è stato proprio niente».

Nel frattempo il presidente della società scaligera, Maurizio Setti, segue la linea del suo tecnico. «Noi tutti oggi, al Bentegodi, non abbiamo sentito alcunchè. Posso solo dire che i tifosi del Verona sono particolari. Hanno un modo di sfottere gli avversari carico di ironia ma il razzismo qui non esiste, da tempo, almeno da quanto ci sono io alla guida del club».

 

E il video che pubblichiamo sembra confermare che i cori razzisti non c'erano quando Balotelli ha avuto la rabbiosa reazione.

In un'altro video postato su twitter (che vedete qui sotto) invece paiono sentirsi alcuni «bu» indirizzati al giocatore.

 

 

BALOTELLI REAGISCE SUI SOCIAL

«Il razzismo è solo solo ignoranza, ce ne sono tanti purtroppo di ignoranti, ma noi siamo qui per dirti che siamo tutti con te, che sei un campione e ti vogliamo bene». Bambini africani sono i protagonisti del video che Mario Balotelli posta su Instagram dopo essere andato via da Verona: con i piccoli tifosi di Supermario il fondatore di ’We Africa to Red Earth’, Adriano Nuzzo, che da una missione manda un messaggio di sostegno al giocatore del Brescia. «Balotelli uno di noi» dice uno dei bambini del video.

 

IL COMMENTO DI SBOARINA

Arriva anche il commento del primo cittadino Federico Sboarina: «Oggi allo stadio c'ero e non ho sentito alcun insulto razzista. E come me le molte altre persone che a fine partita mi hanno scritto e contattato. Ciò che ha fatto Balotelli è inspiegabile perché senza alcun motivo ha avviato una gogna mediatica su una tifoseria e una città. Condanno in maniera decisa ogni forma di razzismo, da perseguire senza mezzi termini termini. Ma sono altrettanto fermo contro coloro che strumentalmente costruiscono sul nulla una falsa immagine di Verona e dei veronesi. Questo è inaccettabile».

 

«DANNI DI IMMAGINE»

I consiglieri comunali Stefano Bianchini, Daniele Perbellini arrivano ad annunciare «una mozione in Consiglio comunale per condannare l'episodio e chiedere i danni di immagine a chi cerca di farsi pubblicità a danno di una città».

 

 

 

--------------------

LA PARTITA

Al Bentegodi il Verona batte il Brescia 2-1: nella ripresa gol di Salcedo, Pessina e Balotelli. Espulso nel finale Matri.

 

94': cartellino giallo a Tonali, punizione preziosa per il Verona

93': contatto con Dawidowicz e Matri cade, ma l'arbitro non dà il rigore

90': 6 minuti di recupero

86': sostituzione Brescia: entra Curcio esce Martella

85': gol di Balotelli, un siluro e Silvestri non ci arriva

81': gol del Verona con Pessina : è 2-0

76': Rrahmani, gran colpo di testa fuori di poco a lato

76': Romulo mira la porta ma la palla è di poco alta

73': altra occasionissima per il Verona con Stepinski davanti alla porta, dal cross di Lazovic, ma passa a Verre che non arriva in tempo

72': cambio anche nel Verona, entra Stepinski, esce Salcedo tra gli applausi

70': sostituzione nel Brescia, entra Matri per Donnarumma

69': occasionissima Hellas sui piedi di Verre, che tira fuori di poco

67': ancora un tiro di Balotelli, ma troppo alto

66': tiro radente e forte di Balotelli, ma Silvestri para

65': punizione per il Brescia da zona centrale, pericolosissima

Il gioco è fermo. Il gesto di stizza di Balotelli è stato causato da cori o insulti. Mariani annulla l'ammonizione

54': ammonito Balotelli

53': Balotelli esce dal campo protestando, tra i fischi della curva, i compagni cercano di calmarlo.

52': sostituzione Hellas, entra Pessina, esce Veloso.

50': gol di Salcedo. È 1-0 per l'Hellas. Stacco di testa di Salcedo davanti alla porta, sul tiro di Veloso.

Inizia il secondo tempo. Per il Brescia in campo Ndoj al posto di Mangraviti, nessun cambio nel Verona

---------------

49': finisce il primo tempo 0-0

48': contatto al limite dell'area, Romulo va a terra ma per l'arbitro non è rigore. 

47': tiro di Bisoli di poco sopra la traversa

45': 4 minuti di recupero

44': botta di Salcedo ma Joronen tocca in angolo

36': cartellino giallo per Mateju per fallo su Zaccagni che resta a terra soccorso dai sanitari

32': non c'è rigore, Mariani annulla anche l'ammonizione

31': rigore per il Verona per fallo in area di Mangraviti su Salcedo. Cartellino giallo per Mangraviti. E poi Mariani va alla Var

27': occasione per l'Hellas con Zaccagni, che arriva scoordinato davanti alla porta

26': palo clamoroso di Balotelli

25': punizione per il Brescia da zona pericolosa, batte Balotelli

24': Brescia in attacco, ma c'è fuorigioco

20': Salcedo lanciato viene trattenuto, ma l'arbitro non fischia

19': ammonizione per Empereur, per fallo su Bisoli

16': cambio nel Verona: Kumbulla esce, al suo posto Dawidowicz

15': occasione d'oro per il Brescia, che con tre tiri in porta di seguito (Bisoli, Balotelli, Tonali) non riesce a segnare.

13': si gioca con il Verona in 10.

12': gioco fermo con Kumbulla a terra per un problema fisico

11': Hellas in attacco, ma per due volte in fuorigioco

8': ammonito Mangraviti per fallo su Amrabat

4': primo cartellino giallo, a Martella per fallo su Salcedo

Inizia il match. Arbitra Maurizio Mariani di Aprilia.

----------

L'Hellas Verona in casa, alle 15, sfida il Brescia. Veloso ha recuperato dalla contusione rimediata nel match infrasettimanale del «Tardini» e sarà regolarmente al suo posto. In attacco ancora ballottaggio tra Stepinski, favorito, e Di Carmine. «La gara - ha detto Juric in conferenza stampa - arriva in un momento molto importante. La serie A comunque è lunga ed è appena cominciata. Dobbiamo affrontare con calma ogni partita».

 

«Il Brescia è allo stesso livello del Verona? No, basta vedere i punti di differenza dell’anno scorso. Dobbiamo affrontare tutte le squadre, come il Brescia, consapevoli del fatto che dobbiamo sempre essere al massimo della condizione fisica e psicologica. Poi decidono gli episodi», ha aggiunto Juric.

 

Ecco la formazione Hellas all'avvio:

Silvestri, Rrahmani, Kumbulla, Empereur, Faraoni, Amrabat, Veloso, Lazovic, Verre, Zaccagni, Salcedo.

 

Ed ecco la formazione del Brescia di Corini: 

Joronen, Sabelli, Mateju, Tonali, Doinnarumma, Cistana, Mangraviti, Bisoli, Martella, Romulo C., Balotelli.

CORRELATI
1 2 3 4 5 6 >