Seconda tappa tutta curve e «saliscendi»

Giro d'Italia 2019
Giro d'Italia 2019
12.05.2019

Oggi è in programma la 2ª tappa del Giro 2019, Bologna-Fucecchio di 205 km. Si tratta di una tappa mossa con inizio a salire fino allo scollinamento appenninico seguito da lunga discesa fino a Prato.

 

La tappa prosegue con una serie di salite e discese di diversa difficoltà tra le quali va segnalato il GPM di Montalbano (il Castra). Chilometri finali con molti curve e saliscendi. Gli ultimi 4 chilometri sono cittadini su strade nella prima parte piuttosto strette con alcuni cambi di direzione sensibili. Seguono ampi viali rettilinei intervallati da leggere deviazioni su rotatorie. Rettilineo finale di 900 metri su asfalto largo 7 metri.

 

LA TAPPA DI IERI.  Primoz Roglic ha stravinto ieri la prima tappa del Giro d’Italia 2019 di ciclismo. Lo sloveno, del team Jumbo-Visma, prima maglia rosa di questa 102esima edizione, è stato l’unico corridore a fermare il tempo sotto i 13 minuti, esattamente 12’54", al termine della prova a cronometro, corsa lungo un percorso di 8 chilometri nel cuore di Bologna. Alle spalle di Roglic, nell’ordine: il britannico Simon Yates (Mitchelton-Scott), a 19" dal trionfatore di giornata, il siciliano Vincenzo Nibali (Bahrain-Merida), vincitore nelle corse rosa del 2013 e del 2016, a 23" dallo sloveno; lo spagnolo Miguel Angel Lopez Moreno (Astana) e l’olandese Tom Dumoulin (Sunweb), vincitore del Giro del 2017, entrambi a 28» dalla prima maglia rosa. In sesta piazza il polacco Rafal Majka (Bora-Hansgrohe), a 33", seguito dal britannico Tao Geoghegan Hart (Ineos) e dal belga Laurens De plus (Jumbo-Visma), appaiati a 35". Diciottesimo il veronese Formolo.