Pallone d'Oro: arriva la notte degli Oscar
La grande serata è il 14 luglio

La premiazione della passata edizione del Pallone d'oro de L'Arena
La premiazione della passata edizione del Pallone d'oro de L'Arena
Stefano Joppi03.07.2020

Il dado è tratto. La data è fissata. Siete pronti per il gran finale del Pallone d’Oro? Prendete il calendario e segnate in rosso la sera di martedì 14 luglio. Alle 21 nella splendida location di Villa Baietta, a Dossobuono, si accenderanno le luci sugli Oscar del calcio dilettantistico.

 

Nel giardino all’aperto, nel pieno rispetto delle normative riguardanti il distanziamento sociale, sveleremo i primi tre classificati del Pallone d’Oro, Argento e Bronzo. Nell’occasione saranno chiamati sul palco anche i primi dieci di ogni categoria Per ovvie ragioni legate alle normative dettate dal Covid 19 ogni premiato non potrà invitare alla serata più di tre persone. Una decisione che siamo costretti a prendere a malincuore ma rimane la condizione senza la quale non si può verificare l’evento.

 

Come avrete immaginato il ritardo, rispetto ai tempi delle precedenti edizioni, nell’allestire la serata finale è stato tutto collegato a capire, interpretare e mettere in atto le stringenti normative per consentire la degna cornice di una iniziativa che ha fatto giungere nella redazione de L’Arena di Corso Porta Nuova una montagna di tagliandi. Segno concreto di un appuntamento che ha mantenuto intatto l’appeal nonostante il lockdown, le misure di confinamento che hanno portato alla sospensione dei campionati di calcio con la vetrina sul dilettantismo rimasta ingabbiata tra le mura di casa.

 

E allora lunedì 14, finalmente, la possibilità di conoscere i vincitori dei tre metalli che si sono dati “battaglia” a suon di coupon per un podio che vedrete non mancherà di stupirvi. Nel Pallone d’Oro comunque vada sarà un portiere a succedere all’esterno d’attacco Michele Porcelli, giocatore dell’Ambrosiana vincitore dell’ultima edizione e premiato nella notte delle stelle all’Hollywood di Bardolino.

 

Già perché le tre posizioni della classifica sono ad appannaggio di altrettanti numeri uno, tutti protagonisti nel campionato di serie D. In stretto ordine alfabetico Manuel Enzo, neo ventenne di Jesolo estremo difensore del Legnago, Riccardo Rossi, classe ’99 alla seconda stagione con la maglia blaugrana del Villafranca, e Gianmarco Scalera dell’Ambrosiana, maggiore età festeggiata il 16 gennaio scorso.

 

Un trio di belle speranze che a Villa Baietta si contenderanno il gradino più alto del podio in una classifica che ha visto Elia Simeoni, del Team Santa Lucia, conquistare la medaglia di legno. Il terzino della compagine cittadina con i suoi 112mila496 punti ha tenuto a debita distanza, nonostante l’incredibile rush finale il bomber del Caldiero Lorenzo Zerbato (104mila993). Più staccati Nicolò Baldan (48.029), sempre del Caldiero, e Giacomo Montresor del Sona. Ottavo posto per Giovanni Zoppi (Valgatara) e a seguire Nicolò Righetti (Ambrosiana) e Matteo Giordano del Vigasio, decimo assoluto.

 

Se per l’Oro sono in ballottaggio tre portieri per il Pallone d’Argento la questione è tutta tra attaccanti. Rimane da capire chi tra l’esperto Andrea Ceoletta del Pedemonte, il baby Lucca Dosso del Cadidavid ed Enrico Piccinato del Pozzo, ha piazzato al 90’ il sigillo vincente. Grande escluso il forte attaccante della Montebaldina Mohammed Rkaiba sceso dal podio, stabilmente occupato nelle precedenti classifiche parziali, nonostante gli oltre 93mila voti. Il centravanti delle pendici del Baldo ha avuto comunque la grande forza di rintuzzare la prepotente ascesa di Jacopo Girardi dell’Aurora Cavalponica e del brasiliano dell’Audace Luiz Herber. Dal settimo al decimo posto nell’ordine Filippo Poltronieri (Nogara), Luca Scarsetto (Concordia), Tommaso Cappelletti (Mozzecane) e il portiere Francesco Bonato dell’Alba Borgo Roma.

 

Numeri da capogiro nel Pallone di Bronzo dove si contendono il trofeo il numero uno del Real Vigasio Luca Braga, il centravanti del Bardolino Elia Pachera e il centrocampista del Team San Lorenzo Alessandro Quintarelli. E in questa categoria, rispetto agli altri due metalli, la lotta per la leadership del Pallone di Bronzo si gioca davvero sul filo di lana per una finale tutto da raccontare e svelare a Villa Baietta. Giù dal podio, nonostante l’incredibile numero di voti (130mila312) rimane Manuel Prati dell’Albaredo in una graduatoria finale che vede i primi sei classificati superare i centomila punti. •

Primo Piano
Le immagini dalla webcam della A22
 
Condividi la Notizia
 
Entro Ferragosto, dal venerdì al sabato

Riapre il parcheggio
di piazza Corrubbio
con 110 posti auto

Condividi la Notizia