Pm10, San Bonifacio
e Legnago «salvati»
dalla pioggia

Luca Fiorin 19.01.2020

Soltanto la pioggia spazza via un’emergenza che i sindaci non sono in grado di contrastare. È l’inquinamento da Pm10.

Un problema che, secondo i monitoraggi effettuati dall’Agenzia regionale per l’ambiente (Arpav), vedeva sino all’altro ieri San Bonifacio nelle posizioni di testa della non invidiabile classifica dei Comuni veneti con l’aria di peggiore qualità, e Legnago che manifestava una situazione critica.

«Secondo i nostri modelli previsionali, se si confermeranno le situazioni ipotizzate, fra domenica e lunedì, in tutto il Veneto si tornerà a registrare una presenza di polveri tale da non necessitare dell’adozione di misure straordinarie di contrasto», spiega Salvatore Patti, che è il direttore del Servizio osservatorio aria di Arpav.

 

Comunque, si parla solo di una tregua. Considerato che le emissioni delle polveri difficilmente cambieranno, e che le previsioni meteorologiche preannunciano un ritorno dell’alta pressione, e quindi un’assenza di piogge, c’è infatti il serio rischio che fra qualche giorno il problema si riproponga.

 

Ampio servizio sul giornale in edicola

CORRELATI
Primo Piano
Il ministro Francesco Boccia con Giuseppe Conte
 
IL MINISTRODEGLI AFFARI REGIONALI

Boccia replica
a Confindustria
"Prima la salute"

Condividi la Notizia
 
In Veneto 756 morti e 12.933 contagiati

Verona, un morto
e calano i ricoveri
Molti nuovi positivi

Condividi la Notizia
 
Condividi la Notizia
 
Dalla A di autocertificazione alla Z di zona rossa

L'alfabeto del Covid di un mese di clausura. Cosa resterà di tutto questo?

Condividi la Notizia