Frode milionaria
Arresti e perquisizioni
anche a Verona

La Guardia di Finanza in azione
La Guardia di Finanza in azione
15.05.2019

Una frode da 25 milioni di euro tra l’Italia e l’Est Europa è stata scoperta dalla Guardia di Finanza di Padova che, all’alba, ha eseguito 12 misure di custodia cautelare in Veneto (Verona inclusa), Liguria, Lombardia, Trentino Alto Adige, Puglia, Campania, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia.

Le fiamme gialle stanno operando anche in Slovacchia, Croazia e Slovenia con il supporto della polizia dei tre paesi. All’operazione sono impegnati 250 militari della Guardia di Finanza di Padova e di altri 23 Reparti del Corpo che, oltre che nella nostra, stanno operando nelle province di Genova, Asti, Milano, Brescia, Trento, Venezia, Belluno, Rovigo, Treviso, Vicenza, Pordenone, Parma, Avellino e Lecce. Oltre ai provvedimenti restrittivi e a 100 perquisizioni, i finanzieri stanno anche eseguendo un decreto di sequestro preventivo per 8,5 milioni di euro, finalizzato alla confisca per reati tributari e riciclaggio.

Al centro dell’inchiesta un’associazione per delinquere finalizzata alle frodi fiscali e al riciclaggio, con il coinvolgimento di 42 società nel settore della prevenzione antincendio e antinfortunistica, i cui proventi sono stati trasferiti nei tre paesi dell’est Europa.

I dettagli dell’operazione verranno illustrati in una conferenza stampa fissata alle ore 12.30 al comando provinciale della Guardia di Finanza Padova.