Verona, i dati Istat
sulla mortalità
Bergamo, cifre choc

Riccardo Verzè20.04.2020

 

Non bastassero i racconti dei medici e degli infermieri, non bastassero le colonne militari con le bare da cremare (arrivate anche a Verona), i complottisti del coronavirus in questi giorni stanno mettendo in dubbio che il contagio da covid-19 abbia provocato davvero il numero di morti raccontato dalle cifre ufficiali. 

Qualcuno per avvalorare la propria tesi ha usato dati Istat che avrebbero certificato una mortalità uguale se non identica a quella del 2019. I dati però erano, come ha spiegato lo stesso istituto di statistica, inesatti.  Parziali, ma significativi, quelli pubblicati in questi giorni con un'analisi sui decessi dal 1 gennaio al 4 aprile in Italia.

 

LA PROVINCIA DI VERONA

I numeri al momento riguardano oltre una trentina di comuni veronesi: 23 su 33 quelli con un aumento della mortalità, con la città a far salire sensibilmente il numero di lutti nella nostra provincia.

Il dato del capoluogo infatti balza subito all'occhio: nel comune di Verona dal 1 gennaio al 4 aprile 2020 sono morte 919 persone, 104 in più del 2019. Anche prendendo in esame i cinque anni precedenti, è il dato più alto mai registrato, con solo il 2017 che si è "avvicinato", con 876 decessi.

Nel resto della provincia uno dei dati che balzano più all'occhio è quello di Villa Bartolomea, dove il coronavirus ha fatto una vera e propria strage in casa di riposo: nel 2019 i morti erano stati 24, al 4 aprile di quest'anno sono 43.

Mortalità molto più alta anche ad Albaredo (da 5 a 15), a Pastrengo (da 7 a 14, uguale crescita a San Pietro di Morubio), a Cerea (da 44 a 58), a Colognola ai Colli (da 18 a 27), a San Giovanni Ilarione (da 6 a 15 decessi), Mozzecane (da 9 a 18) e a Tregnago (da 20 a 27).

Decessi in aumento anche a Belfiore, Bussolengo, Castel d'Azzano, Fumane, Lazise, Marano, Montecchia, Oppeano, Sommacampagna, Terrazzo, Torri, Vigasio, Veronella.

Mortalità stabile o in lieve calo ad Arcole, Garda, Lavagno, Pescantina, San Giovanni Lupatoto, Soave e Villafranca.

In controtendenza tre comuni: Castelnuovo (da 39 a 30 decessi), Monteforte (da 31 a 23) e Valeggio (da 43  a 35).

 

 

BERGAMO E BRESCIA: NUMERI DRAMMATICI

A destare impressone sono i numeri che arrivano dalla Lombardia: a Brescia si è passati da 635 a 1.022 decessi, a Bergamo addirittura da 398 a 983. Drammatici i numeri di due dei comuni bergamaschi più colpiti: ad Alzano si è passati da 39 a 140 decessi, a Seriate da 53 a 183.

 

CORRELATI
Primo Piano
Le immagini dalla webcam della A22
 
Condividi la Notizia
 
Entro Ferragosto, dal venerdì al sabato

Riapre il parcheggio
di piazza Corrubbio
con 110 posti auto

Condividi la Notizia