Coronavirus, salgono le vittime. Casi in Australia e in Francia

Massimi controlli negli aeroporti per il coronavirus
Massimi controlli negli aeroporti per il coronavirus
25.01.2020

Un primo caso del coronavirus che ha già mietuto 41 vittime in Cina è stato confermato in Australia, ultimo Paese in ordine di tempo ad essere raggiunto dal contagio. Il paziente, un uomo sulle cui generalità non sono stati diffusi dettagli, era giunto una settimana fa a Melbourne da Wuhan, la città cinese epicentro dell’epidemia. Secondo il responsabile della sanità pubblica australiana, Brendan Murphy, le autorità dello Stato di Victoria ha applicato «strettamente i protocolli, e messo il paziente in isolamento». 

«Il virus ha colpito i polmoni dell’uomo - ha aggiunto l’autorità sanitaria australiana - che al momento è stabile». Il ministro australiano della Salute, Greg Hunt ha detto che i passeggeri che hanno viaggiato in aereo con il paziente infetto sono stati contattati «per fornire loro informazioni e consigli».

 

Due casi di coronavirus confermati in Francia: sono i primi in Europa. I due casi sono stati accertati a Bordeaux, nel sud-ovest, e a Parigi: lo ha annunciato stasera in tv la ministra della Salute, Agnes Buzyn.

 

FINORA NESSUN CASO IN ITALIA

Dopo quello di Bari è rientrato anche il caso della paziente ricoverata all’ospedale Maggiore di Parma per un sospetto caso di coronavirus. Eseguiti gli accertamenti è emersa la presenza del virus influenzale di tipo B sulla donna, un’italiana residente nel Parmense che dovrebbe avere preso parte in Cina allo stesso tour con il gruppo di artisti di cui faceva parte la paziente di Bari.