Aumentano le tasse su tabacco e cartine Proteste dei produttori veronesi

A verona il vertice Ue dei produttori di tabacco
A verona il vertice Ue dei produttori di tabacco (kiwi)
11.11.2019

Gli imprenditori del settore tabacco alzano la voce contro l’imposta di consumo sui prodotti accessori come cartine, tubetti e filtri. Oggi a Castel d’Azzano, i più importanti grossisti del comparto nel Nord Italia hanno incontrato i deputati Alessia Rotta (Pd) e Paolo Paternoster (Lega), componenti della commissione Finanza della Camera per un confronto sulla nuova proposta di legge, in previsione della discussione e del voto alla Camera, che fissa un aumento del 4% delle imposte sul «tabacco trinciato arrotolato» e l’introduzione di una nuova tassa sugli accessori per i consumatori Fct come appunto le cartine.

Gli imprenditori, in particolare, sono decisamente «contrari ad una disposizione che stravolgerebbe completamente il mercato delle cartine per sigarette e degli accessori correlati, riportando indietro di decenni il nostro Paese». Durante l’incontro è stato evidenziato che «la tassa andrebbe a colpire il ceto medio basso che acquista cartine per sigarette con l’intento di risparmiare denaro» e che «il gettito che deriverebbe dall’applicazione dell’imposta in questione sarebbe di poche decine di milioni di euro» a fronte del fatto che «la tassa potrebbe rivelarsi un boomerang politico di grande dimensione essendo stimati in circa 4 milioni le persone che consumano cartine per sigarette». Il valore complessivo del settore è identificabile in circa 1,5 miliardi di euro, dei quali tra il 25 e il 40% provengono dalla vendita dei prodotti che si vorrebbe togliere dalla disponibilità alla vendita dei grossisti (circa 600 in Italia, per lo più aziende medio-piccole a conduzione familiare). Si stima che le famiglie danneggiate dalla nuova imposta di consumo potrebbero arrivare a quota 10mila.

Per questo mercoledì 13 novembre è stato fissato un incontro con la commissione Bilancio del Senato con i relatori Dario Steffani e Alan Ferrari.